Cerca

L’INTERVISTA

Gian Piero Tozzi diretto: "Vincere a Sora non avrebbe prezzo"

L’attaccante classe 1994 si confessa e dichiara apertamente l’obiettivo della stagione 2022/2023

23 Settembre 2022

Bomber Tozzi esulta dopo un gol (Ph. Cinelli)

Bomber Tozzi esulta dopo un gol (Ph. Cinelli)

Il Sora ha costruito una squadra per puntare dritto verso la Serie D ma a vincere è sempre e soltanto una sola squadra e questo lo sa bene Gian Piero Tozzi che ci racconta l’inizio di stagione.

Buonasera Gian Piero, come giudichi questo inizio di stagione con il Sora? Che impatto hai avuto con la nuova realtà?

"Buonasera, questo inizio di stagione può essere definito positivamente in quanto dopo il passo falso di Itri all’esordio (che ci è servito per calarci subito nella categoria), sono arrivate 2 vittorie convincenti contro due ottime squadre. Per quanto riguarda l’impatto sono molto contento di aver sposato questo progetto ho ritrovato tanti compagni come Pagliaroli, Origlia, Palombi, Costantini e altri giocatori di assolto valore come Corsetti e Prati che hanno contribuito a creare un bel gruppo sin da subito".

La tifoseria merita sicuramente una menzione speciale essendo una piazza molto calda: cosa significa per un calciatore avere un sostegno di questo tipo?

"La tifoseria di Sora è sicuramente un valore aggiunto, sono presenti sia in casa che in trasferta e fanno respirare aria di professionismo. Avere la tribuna e la curva sempre piena ti aiuta ad approcciare meglio alle partite e mantenere sempre alto il livello di concentrazione. Ovviamente rappresentare una città oltre ad essere un vanto è sicuramente una responsabilità e bisogna saper gestire le pressioni nel migliore dei modi".

Quale è il vostro obiettivo stagionale? Quale è il tuo obiettivo personale?

"L’obiettivo della società è dichiarato ormai da tempo, la squadra è stata costruita per primeggiare, ovviamente sono tante le squadre con lo stesso obiettivo quindi vedremo a lungo termine chi riuscirà ad avere maggior continuità nei risultati. Per quanto riguarda l’obiettivo personale credo debba passare in secondo piano, in passato ho avuto tante gratificazioni individuali ma vincere un campionato a Sora non avrebbe prezzo. Se dovessi pormi un obiettivo individuale mi piacerebbe sicuramente raggiungere i 100 gol in campionato (senza contare i 21 nelle coppe sono a quota 88) anche perché solo grazie a prestazioni e gol posso aiutare la squadra a vincere".

Quali sono secondo te le avversarie che punteranno alla vittoria finale?

"Il girone b credo sia uno dei più difficili degli ultimi anni, ci sono almeno 4/5 squadre accreditate alla vittoria finale come Gaeta, Colleferro, Formia, Audace e tante outsider con giocatori di qualità come Certosa e Tor Sapienza".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE