Cerca

L'intervista

Pro Calcio, Della Penna si gode il momento: "Ora soltanto riposo"

L'ex Roma analizza la stagione dei gialloverdi, conclusa domenica scorsa con la vittoria nel play out di Monterotondo

15 Maggio 2018

Della Penna (©P. C. Tor Sapienza)

Della Penna (©P. C. Tor Sapienza)

Della Penna (©P. C. Tor Sapienza)

La stagione della Pro Calcio Tor Sapienza si è chiusa con il verdetto più bello e chiaramente il più auspicato dal club gialloverde: una salvezza che fino alle ultime battute del campionato sembrava vacillare. La vittoria all'ultima giornata contro il Cynthia ha permesso alla squadra di Volpe di affrontare il play out in casa del Real Monterotondo Scalo e l'undici capitolino è tornato a casa con il successo di misura arrivato grazie al lampo di Della Penna nella ripresa, in una sfida che non ha regalato moltissimo sotto il profilo delle occasioni da ambo le parti. Ora i gialloverdi sono definitivamente in vacanza e la parola passa proprio al match winner di domenica scorsa. “Siamo arrivati alla gara abbastanza sereni - dichiara Claudio Della Penna - In settimana l'avevamo preparata bene e poi, per restare in Eccellenza, eravamo consapevoli di avere soltanto un risultato dalla nostra parte. Non è stata una partita bellissima. Probabilmente lo Scalo ha pensato prima a non prendere gol avendo due risultati su tre e forse è stato proprio questo a giocare in nostro favore”. Come detto, la stagione della Pro Calcio si è articolata tra diverse difficoltà nonostante una rosa di ottima fattura. Ne sono la dimostrazioni i tre cambi alla guida tecnica. “La nostra è stata una salvezza sofferta in una stagione abbastanza complicata. Inizialmente non abbiamo trovato la giusta amalgama ma poi, soprattutto con mister Volpe, siamo riusciti a fare quadrato e a trovare le giuste motivazioni per il finale. Non ci sarebbe stata figura migliore per guidarci in queste ultime giornate e credo che la scelta sia arrivata nel momento migliore. A livello personale, in quest'ultimo periodo ho giocato come tre quartista riscoprendo così il mio ruolo d'origine e tutto sommato sono soddisfatto di come siano andate poi le cose. Ma soprattutto per aver centrato la salvezza con tutta la squadra. Qui mi trovo bene e ci sono le condizioni per lavorare serenamente. Adesso mi godo un po' di riposo meritato e poi vedremo per la prossima stagione. Se il club deciderà di puntare ancora su di me sono pronto a restare”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE