Cerca

la conferenza

Montespaccato, Monnanni: "Rispettata l'identità del club"

Il Presidente dell'IPAB Asilo Savoia: "Taglio del 25% sulla retta della scuola calcio. Faremo rete con le altre realtà pulite del quartiere"

17 Luglio 2018

Nicola Zingaretti, Massimiliano Monnanno e i calciatori del nuovo Montespaccato presentano la maglietta

Nicola Zingaretti, Massimiliano Monnanno e i calciatori del nuovo Montespaccato presentano la maglietta

“Abbiamo risposto ad una richiesta della Regione all'Asilo Savoia, valutata positivamente dal Tribunale, di inserire la Polisportiva Montespaccato nel progetto Talento & Tenacia Sarà un'ulteriore sfida in un territorio complicato, che coinvolgerà non solo il club calcistico nel percorso di inclusione sociale, ma tutte le realtà pulite del quartiere”. Parole di Massimiliano Monnanni, Presidente dell'Istituto Pubblico di Assistenza e Beneficenza di via Monza. Nicola Zingaretti, Massimiliano Monnanno e i calciatori del nuovo Montespaccato presentano la maglietta Nasce così una nuova avventura nell'ambito del progetto Talento & Tenacia che permetterà alla Polisportiva Montespaccato, e agli oltre 600 tesserati tra ragazzi e bambini, di continuare a svolgere l'attività sportiva come auspicato dalla Regione Lazio. E le prime iniziative in questo senso, a margine dell'evento di questa mattina in via Stefano Vaj, sono già effettive: “Intanto la retta della Scuola Calcio è stata tagliata del 25% - spiega Monnanni – In alcuni contesti per una famiglia risparmiare 150 euro non è poco. Inoltre stiamo già organizzando un tavolo di lavoro che coinvolgerà tutte le realtà pulite della zona, come il Municipio e la Parrocchia, vogliose di rimettersi in gioco e fare la propria parte per riqualificare il quartiere. Sarà importante fare rete: un soggetto unico, magari, non riesce a dare una risposta, mentre insieme si possono raggiungere traguardi importanti”. Sono solo i primi due interventi di un programma che non stravolgerà la Polisportiva, che manterrà un'identità ben definita a partire dalla denominazione: “Le magliette recheranno, naturalmente, lo scudo Sabaudo il logo del Telefono Rosa contro la violenza sulle donne, ma il club continuerà a chiamarsi Montespaccato – chiarisce Monnanni – È una polisportiva storica, radicata nel territorio e con un'ottima partecipazione di spettatori e appassionati. Così come continueranno a far parte dell'organigramma gli operatori che la scorsa stagione già lavoravano per il Montespaccato (32, ndr). Il nostro intervento, inoltre, consentirà al club di avere maggiore visibilità sotto molti punti di vista e questo non potrà che aiutare questo percorso”. Un centro sportivo, quello di via Stefano Vaj, che guarderà oltre il calcio, cercando di aiutare le famiglie sotto tanti aspetti: “Non deve essere un luogo esclusivamente di sport, ma di sostegno e aggregazione – prosegue il presidente dell'IPAB – Ci sarà il doposcuola, per esempio, con i ragazzi che potranno seguire un programma di recupero nelle materie dove sono più in difficoltà, ma anche tante altre iniziative per sostenere le famiglie e che definiremo in questi giorni. Vogliamo mettere in condizione il quartiere e le persone che lo popolano di avere un luogo dove trovare un supporto costante”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE