Cerca

Mercato

Civitavecchia, tutte le cessioni dei nerazzurri

Il club comunica i giocatori in partenza compresi ovviamente anche gli ex Cpc

26 Giugno 2019

Manuel Vittorini (©De Luca)

Manuel Vittorini (©De Luca)

Manuel Vittorini (©De Luca)

È tempo dei saluti con alcuni giocatori, protagonisti sul campo e fuori che hanno onorato nell’ultima stagione la maglia portuale della CPC2005 e quella del Civitavecchia Calcio. I due obbiettivi prefissati sono stati conseguiti, raggiungimento dell’Eccellenza in casa portuale e mantenimento della categoria in quello della Vecchia, ed ora per alcuni si arriva al triste epilogo dei saluti. Per la ex CPC2005 i saluti e il ringraziamento più profondo va a Gianluca Metta, proverbiale uomo che con la sua disponibilità ha coeso spogliatoio e dato vigore alla manovra portuale, Alessandro Spanò, autentico bomber seppur di giovanissima età e che, grazie alla sua rete nella finale di Coppa Italia, ha permesso il salto di categoria, Paolo Cherchi, ragazzo impagabile che nonostante l’esiguo impiego ha onorato la maglia in tutti questi anni è tenuta alta la bandiera rosso portuale, Lorenzo Serafini, arrivato solo nel mercato invernale ma che, grazie alle sue reti e alla sua presenza viva nello spogliatoio, ha permesso il raggiungimento del secondo posto è dell’Eccellenza, Mariano Lancioni, ragazzo che si è messo a disposizione della causa nonostante la non giovane età e che ha portato una validissima alternativa al fronte d’attacco portuale, e Le Rose, arrivato a metà dicembre ma amalgamatosi col gruppo in maniera perfetta, portando nella mezzeria di centrocampo qualità e tempi.  Per l’ex Civitavecchia calcio il ringraziamento e i saluti vanno a Mattia Petricca, Massimiliano Zaza, Rodolfo Moronti, Christian Chirialetti, Luigi Verdicchio, Giorgio Befani, Luca Iacomelli, Lorenzo Pietranera, Edoardo Mannozzi, Miguel Vittorini, Manuel Vittorini, Christian Vittorini, Daniel Franceschetti, Gianluca Nuti, Matteo Marras, Franco Superchi, Andrea Tomarelli e Fabrizio Boriello, capitano e condottiero sul campo e negli spogliatoi di una squadra capace di salvarsi compiendo un cammino perfetto nel girone di ritorno.  Da oggi è anche sul piano delle rose a disposizione una nuova era, sarà solo il futuro a darne la consacrazione o meno di quanto avverrà da ora in avanti. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni