Cerca

il ricordo

Mafie: il Montespaccato Savoia ricorda Pino Puglisi

Per il Montespaccato Savoia debutto al "Don Pino Puglisi" nel segno dell’impegno antimafia

14 Settembre 2019

Il Montespaccato Savoia ricorda Don Pino Puglisi

Il Montespaccato Savoia ricorda Don Pino Puglisi

L’assassinio del sacerdote palermitano da parte della mafia sarà ricordato domani mattina con un minuto di raccoglimento sul campo da gioco intitolato alla sua memoria. Dopo l’esordio vittorioso sul campo della Vigor Perconti, il Montespaccato si prepara alla sua prima partita in casa ricordando a tutti le ragioni più profonde e gli obiettivi alla base di “Talento & Tenacia”, il programma promosso dall’Ipab Asilo Savoia insieme alla Regione Lazio e al Tribunale di Roma.Il Montespaccato Savoia ricorda Don Pino Puglisi


Il 15 settembre, giorno della gara con la Virtus Nettuno, ricorre infatti il XXVI° anniversario dell’uccisione di Padre Pino Puglisi, cui l’anno scorso l’impianto di Via Stefano Vaj sequestrato al clan Gambacurta è stato intitolato nell’ambito di una significativa azione di recupero e rinascita del quartiere romano.


Il Presidente dell’Ipab Savoia, Massimiliano Monnanni, unitamente al Presidente dell’Osservatorio per la Sicurezza e la Legalità della Regione Lazio Gianpiero Cioffredi hanno chiesto al Comitato regionale del Lazio della Lega Nazionale Dilettanti - che ringraziamo per aver subito accolto l’invito - di poter solennizzare questa data simbolica attraverso un minuto di silenzio che sarà osservato sul campo da gioco che dall’anno scorso ne porta con orgoglio il nome.


“Con questa semplice ma significativa iniziativa - ha dichiarato Massimiliano Monnanni - vogliamo idealmente ricongiungere il desiderio di riscatto e di rinascita che anima sinceramente tutta la cittadinanza di Montespaccato con la figura concreta e umana di Don Pino Puglisi, beatificato dalla Chiesa, ma soprattutto educatore vicino ai bisogni della comunità e degli ultimi.Il campo di Montespaccato, oggi “Don Pino Puglisi”, da quartier generale del Clan Gambacurta è diventato in un anno un centro aperto al territorio e alle comunità, con decine di iniziative di tipo sportivo, sociale, educativo e culturale che hanno coinvolto attivamente la parrocchia, associazioni, le famiglie. E questo, ben più del buon piazzamento della rinata squadra di calcio del “Montespaccato Savoia” ottenuto nello scorso campionato di Eccellenza dopo la retrocessione subita durante la gestione Gambacurta, è il risultato più importante che possiamo dire di aver raggiunto sul campo grazie all’impegno congiunto di Regione Lazio e Tribunale di Roma”.


Gianpiero Cioffredi aggiunge “La gestione della Polisportiva Dilettantistica Montespaccato sequestrata dall’Autorità Giudiziaria è una sfida che stiamo vincendo grazie ad un progetto come Talento & Tenacia, ideato dall’Ipab Asilo Savoia, che riesce a declinare il principio di legalità in opportunità e inclusione sociale. Come Regione Lazio siamo orgogliosi di un progetto unico nel panorama nazionale. Centinaia di ragazzi frequentando il campo di calcio del Savoia Montespaccato riscoprono il valore della responsabilità e della socialità in un territorio oltraggiato dalla criminalità organizzata. E’ per questo che è naturale per noi ispirarci alla testimonianza del Beato Padre Pino Puglisi perché con la sua azione ha dimostrato la potenza e l’efficacia della sfida educativa per combattere il potere mafioso.Facciano nostro il motto di don Puglisi-SE Ognuno Fa Qualcosa Si Può Fare Molto- perché solo cosi diventiamo tutti protagonisti di legalità e giustizia”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE