Cerca

la rubrica

Vi presento la mia Top 11: le scelte di Manuel Vittorini

Una formazione con tantissima qualità in tutti i reparti. In porta c'è Maurizio Nencione, mentre il tecnico scelto dal bomber della Cimini è Ottavio Insogna

09 Aprile 2020

Manuel Vittorini (©De Luca)

Manuel Vittorini (©De Luca)

Manuel Vittorini (©De Luca)

È uno degli attaccanti più prolifici degli ultimi anni, ed anche nella stagione attuale non era stato da meno collocandosi al comando della classifica marcatori di Eccellenza. Stiamo parlando Manuel Vittorini, che con 24 sigilli ha trascinato nei piani alti del girone A la Polisportiva Monti Cimini. Abbiamo intervistato il bomber di Canale Monterano riguardo la nostra rubrica sulle Top 11, e anche lui ha messo in campo una formazione da “Calcio Champagne”. Parola al giocatore per il commento tecnico. “Iniziando dal modulo ho scelto il 4-3-3. In porta Maurizio Nencione, l'ho incontrato quasi sempre da avversario ed ogni volta mi ha impressionato. Difesa a quattro con Luca Brunetti sull'out di destra. Oltre che un grande amico ho condiviso con lui le esperienze a Civitavecchia, Guidonia e Capranica. Uno dei terzini più completi, aveva sicuramente altre prospettive. A sinistra Michele Pagano. Siamo stati compagni al Capranica, era il suo ultimo anno ma ancora ne aveva, forte inoltre di un piede sinistro fantastico. La coppia di centrali è formata da Claudio De Santis, il mio primo capitano ai tempi del Santa Marinella, fortissimo in campo e persona d'oro, e da Stefano Scardala. Vorrei comunque citare anche Marco Paolacci, vero e proprio goleador. A centrocampo come regista scelgo Davide Buono. Purtroppo non ho mai avuto il piacere di giocarci ma lo vorrei sempre in squadra come me: tanta qualità e quantità allo stesso tempo. Ai suoi fianchi Alessio Lalli, con un mancino delizioso unito alla personalità, e Davide Raffaello con cui ho giocato alla Lupa Frascati. Lui mi ricordava molto Pirlo, spalle alla porta mandava sempre a vuoto l'avversario. Infine il tridente offensivo. A destra Daniele Piro. Lo vidi giocare per la prima volta all'Ostiamare e fu davvero imprendibile. Il miglior esterno che una punta possa avere anche per i cross al millimetro che riesce ad offrire. A sinistra Vittorini, credo che con le caratteristiche che ho starei bene in questa formazione. Punta centrale Renan Pippi: è forte di testa, fisicamente e nonostante la stazza è bravo tecnicamente. Anche qui ci sono purtroppo esclusi di lusso come ad esempio Gallaccio, Nanni o Amassoka ed anzi, mi scuso con tutti coloro che non ho potuto inserire nella top. Per una squadra molto tecnica come questa, e per l'idea di calcio che propone, in panchina ci vedrei bene mister Ottavio Insogna”.La formazione top di Manuel Vittorini

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE