Cerca

l'intervista

Dai primi passi all'Eccellenza: Alessandro Palma si racconta

Il giovane centrocampista del Real Monterotondo Scalo ripercorre la propria carriera calcistica

20 Maggio 2020

Palma (©Caprino)

Palma (©Caprino)

Palma (©Caprino)

L'intervista al giovane centrocampista del Real Monterotondo Scalo, Alessandro Palma.


Nome, età, ruolo. Raccontaci la tua carriera calcistica. 

"Palma Alessandro, 19 anni centrocampista. Ho cominciato la mia carriera calcistica allo Sporting Life finché sono stato chiamato dalla Vigor Perconti per fare i giovanissimi fascia B sotto età. L’anno successivo sono passato al Certosa per fare i giovanissimi fascia B élite. A fine stagione invece mi sono trasferito all’Accademia Calcio Roma dove ho fatto i giovanissimi regionali vincendo il campionato e un torneo internazionale a Barcellona. L’ anno seguente mi sono trasferito al Monterotondo Scalo dove ho iniziato dagli allievi fascia B fino ad oggi che mi trovo in Prima Squadra".


Cosa significa per te giocare con questa squadra?

"E' motivo di grande orgoglio. Mi è stata data la possibilità di fare il salto dagli allievi direttamente in prima squadra dove ho trovato dei compagni che in primis mi hanno accolto come fossi un fratello minore. Da loro cerco di imparare per continuare a crescere."


Il ricordo più bello con questa maglia?

"Anche se ho solo 19 anni ho tantissimi bei ricordi. Tra tutti ricordo l’esordio in Eccellenza dal primo minuto contro il Crecas in casa, grazie a Mister Vincioni che mi ha dato grande fiducia sin dal primo giorno di allenamento. Se penso invece ad un ricordo più recente sicuramente aver segnato il calcio di rigore decisivo contro la Vigor Perconti in Coppa Italia, che ci ha permesso di andare avanti in questo cammino rivelatosi poi fantastico data la vittoria in finale della Coppa. Ci tengo inoltre a ringraziare il Mister Centioni per la gran fiducia datami in quel momento".


Quali sono i tuoi obiettivi ?

"A livello individuale è quello di migliorare giorno dopo giorno, avendo la possibilità di allenarmi con un gruppo come quello di questo anno formato da grandi giocatori sia a livello tecnico che a livello umano Poi un altro obiettivo è quello di poter trovare maggior spazio e continuità."


Cosa consigli ai ragazzi del settore giovanile che vogliono arrivare a giocare in prima squadra?

"Per arrivare in prima squadra non basta solo saper giocare a calcio, bisogna avere una grande passione per questo sport e in più sicuramente spirito di sacrificio, disponibilità, educazione e bisogna essere fiduciosi perché l’impegno ripaga sempre".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE