Cerca

L’INTERVISTA

Marco Neri sbotta: "Vergognoso lo stop"

L’attaccante classe 1984 non usa mezze parole per esprimere il proprio pensiero sulla sospensione del calcio regionale

27 Ottobre 2020

Marco Neri sbotta: "Vergognoso lo stop"

Marco Neri in azione (Ph. De Luca)

Ha sempre detto tutto in modo sincero nella sua carriera senza mezzi termini e questo gli ha permesso, nel corso del tempo, di farsi voler bene da tutte le società in cui ha militato: Marco Neri, attaccante del Ladispoli, dice la sua sulla sospensione dei campionati regionali. L’inizio è molto forte: “Trovo assolutamente vergognoso fermare il calcio regionale dopo tutti i sacrifici fatti in questi mesi dalle società. Non penso solamente a noi giocatori ma a tutti coloro che gravitano intorno ai club tra staff ed addetti ai lavori. Per quale motivo un magazziniere che lavora full time in una società deve trovarsi disoccupato? Vale meno di altri? Non capisco. Hanno chiesto di adeguarsi, di spendere soldi per termoscanner, disinfettanti e tanto altro ancora ed ora si chiude? Non ha nessuna logica scientifica tutto questo, così ci saranno tante società che spariranno ed attività che chiuderanno e non potranno più riaprire. Sono seriamente preoccupato ed anche incazzato per una situazione che non è proprio accettabile”. Neri è un fiume in piena ed è pronto a prendere parte a qualsiasi iniziativa che possa dar voce al calcio dilettantistico, senza rinunciare ad una critica nei confronti di Vincenzo Spadafora: "Spero si possa organizzare a breve un movimento per protestare contro queste scelte che mi trovano in totale disaccordo e voglio aggiungere anche un ultimo particolare. Ho seguito l’intervento in tv di Vincenzo Spadafora, Ministro dello Sport, e mi sono chiesto seriamente se una persona che parla in quel modo possa rappresentare a livello italiano il nostro movimento. Uno che dice che nella scuola calcio si può continuare a fare flessioni sa di cosa sta parlando? Non credo, e tante altre frasi che ho sentito mi hanno lasciato profondamente perplesso. Sono stanco e stufo di accettare passivamente una situazione che non può andare bene, sono 8 mesi che andiamo avanti così, ora basta!”. Lo sfogo comprensibile di Marco Neri è quello di un intero movimento, quello regionale, che è stato inspiegabilmente messo all’angolo fino al 24 novembre. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE