Cerca

l'intervista

Ardone e il progetto Itri: "Una grande chance per tutti"

Il tecnico analizza il momento e si sofferma sui programmi della società. In chiave ripartenza afferma: "Avremo un pizzico di esperienza in più"

17 Novembre 2020

Ardone e il progetto Itri: "Una grande chance per tutti"

Marco Ardone

Nonostante il nuovo stop del campionato di Eccellenza, il ritorno perentorio della pandemia e tutto ciò che ne comporterà a livello umano economico e non, in casa Itri restano alte le motivazioni e la voglia di portare avanti un progetto singolare, volto alla valorizzazione dei giovani e che già nella prima parte di gare disputate stava portando i primi frutti. A spiegare meglio la filosofia designata dal club di patron Ialongo è il tecnico Marco Ardone. Partendo però dalla sospensione del campionato il giovane allenatore afferma: “Vedendo i numeri che ci vengono mostrati credo sia stato giusto fermare momentaneamente il calcio dilettantistico. Comunque è uno sport di contatto dove il virus può diffondersi. Sono un pò più perplesso invece sulle indicazioni che ci sono state fornite soprattutto all’inizio, a partite dalla data per un’ipotetica ripresa fino alle modalità stesse degli allenamenti. C’è stata un pò di confusione e non vedo ancora una linea precisa che ci possa consentire di programmare il futuro. Noi non crediamo sia possibile tornare ad allenarci già dal prossimo 3 dicembre e pensiamo invece che sia più opportuno attendere il nuovo anno. In questo periodo abbiamo comunque assegnato a ciascun ragazzo un programma personalizzato in base alle proprie caratteristiche e agli spazi disponibili in casa, ma oltre all’aspetto sportivo stiamo curando molto anche quello mentale. Una volta a settimana facciamo delle videoconferenze, l’ultima giovedì scorso con un mental coach proprio perché dobbiamo abituarci a gestire questa situazione ed affrontarla al meglio anche a livello di testa”. Prima dello stop l’Itri aveva ottenuto due vittorie in sequenza contro Terracina e Atletico Lazio, con il progetto Under 23 che stava iniziando a dare riscontri positivi. In merito Ardone dichiara: “Sì, diciamo che all’inizio sapevamo che avremmo potuto incontrare qualche difficoltà e che dunque ci sarebbe voluto del tempo. Il nostro è un progetto molto particolare per questa categoria, basti pensare che in Italia soltanto la Juve ha una formazione Under 23. Tanti giocatori sono alla loro prima esperienza con una prima squadra, compreso me. Ma tutti ci siamo calati in questa nuova dimensione capendo soprattutto che potrebbe rivelarsi una grande opportunità. Riguardo il lavoro, cerchiamo di non tralasciare nulla, comportandoci come dei professionisti in un contesto dilettantistico”. Che Itri sarà alla ripresa? “Sicuramente quando ripartiremo dovremo fare i conti con un nuovo campionato. Diciamo che da parte nostra ci sarà un pizzico in più di esperienza, le cose buone fatte prima dell’interruzione non verranno cancellate, speriamo di continuare come avevamo finito”. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni