Cerca

l'intervista

Melis racconta il Casal Barriera, tra fine anno e un 2021 tutto da vivere

Il direttore sportivo fa il punto in casa gialloverde: "Vogliamo tornare presto a ritrovarci la domenica su quel rettangolo verde che tanto amiamo" e non manca nel saluto ai tanti tifosi: "I Warriors per noi sono determinanti, speriamo di riaverli presto sugli spalti"

31 Dicembre 2020

Melis racconta il Casal Barriera, tra fine anno e un 2021 tutto da vivere

Massimiliano Melis, nell'ultimo giorno dell'anno, si prende il palcoscenico e racconta il suo Casal Barriera: “A prescindere da un inizio di stagione dove magari non siamo stati protagonisti, questo 2020 ci ha visto dare vita ad un campionato bellissimo come quello scorso. Siamo andati oltre le aspettative di tanti addetti ai lavori – continua poi il direttore sportivo – ma non delle nostre. Sapevamo di avere una grande squadra, i ragazzi sono stati fantastici e poi peccato che il Covid abbia interrotto tutto”. Una pandemia che ha portato con se tante difficoltà: “La scorsa stagione ci siamo fermati a 9 giornate dal termine, a 3 punti dalla seconda e con un calendario davvero molto vantaggioso. Peccato, il covid ha interrotto quello che sarebbe potuto diventare un sogno magnifico”. Quest'anno purtroppo la situazione non è certo migliorata: “Abbiamo sicuramente raccolto meno di quanto meritavamo ma ciò non toglie che sicuramente è stato un inizio di stagione al di sotto delle nostre aspettative. Non troviamo alibi anche se l'assenza costante di almeno 6 o 7 elementi ha avuto un peso importante. Abbiamo scelto di non rinviare nessuna gara, ricorrendo così al bonus Covid per recuperare pedine preziose per noi, pur avendo una positività nella Juniores. La verità è però che il gruppo dell'Under 19 non si allenava in blocco con la prima squadra e perciò mentire su questo sarebbe stato un comportamento meschino”. Ora però Melis è pronto a ripartire assieme al suo Casal Barriera e, ovviamente, agli immancabili Warriors: “Non vediamo l'ora di ritrovarci la domenica su quel rettangolo verde che ci è tanto caro. Sono sicuro che i ragazzi torneranno ad esprimere in campo le loro reali qualità e da questo punto di vista mister Damiani saprà fare la differenza. Un pensiero va anche ai nostri tifosi. I Warriors sono determinanti, necessari, nonostante le difficoltà sono venuti ovunque e non ci hanno mai fatto mancare il loro supporto. Vederli sugli spalti è un qualcosa che ti carica in maniera unica, sono trascinatori, ragazzi esemplari che ci invidiano tutti. Chi viene qui sa che oltre ad avere una buona squadra può contare su una tifoseria di categoria superiore”. In chiusura il direttore regala un pensiero a tanti componenti della grande famiglia del Casal Barriera: “Concludo facendo un grosso in bocca al lupo al nostro presidente che sta combattendo la sua battaglia contro il Covid ma è una persona forte e sicuramente ne uscirà fuori alla grande. Voglio poi mandare un augurio di buon 2021 a Massimiliano Pizzuti, il nostro Massimone, e ad un altro dirigente quale Daniele Mencherini che non ci fanno mai mancare nulla. Un pensiero va poi al segretario Gianni Corsetti, all'amico e grandissimo mister Alessandro Damiani, al nostro grandissimo fisioterapista Giuseppe Damiani, al nostro grande secondo allenatore Aldo Crisanti, al nostro preparatore dei portieri Simone Ditraglia e al mister della Juniores Mario Latini. Assieme a loro auguro un buon 2021 a tutti gli addetti ai lavori, amici e non!”

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni