Cerca

l'intervista

Pietro Scrocca "Questa ipotesi di ripresa mi lascia perplesso"

Il presidente del Villalba cerca lumi dopo la decisione del consiglio direttivo sulla ripartenza del campionato

09 Febbraio 2021

Pietro Scrocca

Pietro Scrocca, presidente del Villalba

Voglia di tornare in campo sì, ma anche tanti dubbi sulla decisione presa dalla Lega Nazionale Dilettanti da parte del presidente del Villalba Pietro Scrocca. Proseguire il campionato è un'idea che gli piace, ma è consapevole che la strada non sia ancora del tutto spianata verso una felice conclusione della faccenda "Onestamente sono un po' perplesso rispetto a quanto è stato deciso, non riesco a capire quali siano i vantaggi di portare avanti un campionato in questo modo e quindi attendo le disposizioni definitive. Il blocco delle retrocessioni la dice comunque lunga sulla regolarità del campionato, è una situazione che mi lascia sorpreso. La mia idea è sempre stata quella di riprendere il campionato in sicurezza dando un senso a quello che andiamo a fare e quindi, a questo punto, avrei preferito lavorare per porre delle basi sulle quali costruire una stagione, piuttosto che una optare per una scelta di questo tipo. Non riesco a capire quali saranno le regole ed i nuovi parametri, ed anche permettere ad una società di rinunciare al campionato senza conseguenze andando quindi incontro ad un girone di andata mozzo è qualcosa che capisco poco. E se invece di ritirare la squadra io facessi giocare tutti i miei giovani? E' una decisione che voglio ben capire, soprattutto nelle motivazioni che l'hanno portata ad essere quella definitiva da presentare poi alla FIGC. Se si tratta solamente di dover dare dei nomi per la prossima Serie D, per la mia poca esperienza posso dire che l'anno scorso avevamo un campionato svolto per due terzi e quindi si può attingere da là, sempre che ce ne sia la necessità, visto che le squadre laziali stano anche andando discretamente bene e quindi magari alla fine si salveranno tutte. Sicuramente, però, la voglia di tornare in campo è quella che prevale, però dobbiamo sempre ragionare con la testa oltre che col cuore e, di certo, il futuro del campionato di Eccellenza non è stato deciso venerdì, perché bisogna ancora attendere la risposta della FIGC per quello che riguarda la possibilità di offrire fondi e su quali protocolli dovranno essere rispettati. Bisogna quindi ancora aspettare per capire, prima di emettere un giudizio definitivo, ma la possibilità di tornare a giocare è sicuramente qualcosa che mi piace".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni