Cerca

L'intervista

Franco Rizzaro: "Non credo ci siano i tempi necessari per ripartire"

Il numero uno dei portodanzesi fa il punto in chiave ripresa del campionato espandendo il proprio pensiero

17 Febbraio 2021

Franco Rizzaro

Il Presidente dell'Anzio, Franco Rizzaro (Foto ©Ferri)

Anche se l’indicazione della Lega Nazionale Dilettanti è stata chiara, in merito ovviamente alla prossima ripartenza dell’Eccellenza in tutta Italia, sono diversi ancora i dubbi che attanagliano alcune società. E’ vero che si è arrivati alla decisione, condivisa da Lega e Comitati, di voler rimettere in moto quantomeno la massima serie regionale, ma è vero anche che ancora non si sa effettivamente quando poter tornare in campo la domenica, se il nuovo protocollo sarà sostenibile per tutti e se verrà confermato il blocco delle retrocessioni. L’ultima parola spetta adesso alla Federazione Italiana Giuoco Calcio. Intanto, orientandoci verso l’ipotetica ripartenza, ad esprimere il proprio punto di vista è il Presidente dell’Anzio, Franco Rizzaro. Il numero uno portodanzese non è convinto che si possa effettivamente ripartire, da come si evince dalle sue parole: "Intanto ad oggi sappiamo che fino al 5 marzo non si può tornare in campo. Per cui la domanda che mi pongo è: quando ci faranno ripartire? Personalmente avrei concluso definitivamente la stagione senza farla riprendere. Purtroppo non vedi i tempi necessari, non possiamo ricominciare a fine aprile. Noi siamo Dilettanti, la gente durante la settimana lavora, non si può pensare di lasciare i propri impegni per andare a giocare il mercoledì. Così diventa complicato se non impossibile fare calcio. Se così dovesse essere sto seriamente pensando di non presentarmi alle partite, mentre se non si dovesse giocare il mercoledì allora potrei decidere di fare una squadra giovane e provare qualche ragazzo del posto". Ed anche sul tema delle non retrocessioni dall’Eccellenza il massimo dirigenze biancoblù ha le idee molto chiare: "Su questo punto potrei essere d’accordo, e per sopperire alle retrocessioni dalla Serie D amplierei i gironi dell’Eccellenza del prossimo anno. Il fatto di voler bloccare le retrocessioni è un chiaro segnale che si vuole disputare soltanto un girone, quindi a questo punto sarebbe giusto congelarle, ma ciò su cui non sono d'accordo è il fatto stesso di ripartire. Come ho già detto in precedenza non vedo i tempi utili per poter rimettere in moto la macchina". Infine, Rizzaro parla della questione tamponi: "Non possiamo provvedere noi ai costi, se questo sarà il protocollo dovrà pensarci la Federazione". 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE