Cerca

dopo gara

Favl Cimini, Torroni: "Il pareggio ci poteva stare. Complimenti al Civitavecchia"

Il presidente torna sulla vittoria di sabato contro i nerazzurri e guarda avanti, anche ad un possibile salto di categoria

25 Ottobre 2021

Torroni

Francesco Torroni (Foto ©Favl Cimini)

La Favl Cimini che passa a Civitavecchia attraverso una partita a dir poco controversa è comunque ovviamente una gioia per il presidente del noto club viterbese Francesco Torroni: violare il Tamagnini del resto, è impresa per pochi. "Sono molto contento per il risultato ma sono prima che un presidente un uomo di sport e l’ho detto anche al presidente Patrizio Presutti a fine match: il pareggio probabilmente poteva essere il verdetto più veritiero, complimenti al Civitavecchia". Ma non è stato così. Hanno pagato le scelte di in corso d’opera di Marco Scorsini, le prodezze del giovane portiere Bertollini e, come sempre, i goal di Vittorini anche se, a risolvere la contesa, è stato addirittura un classe 2003: Gatti. "Partirei da Bertollini -prosegue Torroni- un ragazzo molto dotato tra i pali; al di là delle prodezze compiute a Civitavecchia con lui la squadra si sente più sicura senza nulla togliere a Coluccia che ha talento e può crescere molto: a solo 19 anni. Per quanto concerne le scelte tecniche e tattiche io dico che Marinaro quando gioca più vicino alla porta è un calciatore ancora più straordinario. Su Vittorini c’è poco da dire, ha raggiunto piena consapevolezza di se: è devastante". Sì Vittorini lo è, al punto che ci si domanda per chi lo incontra da avversario, se è meglio, con lui, tornare alla vecchia marcatura a uomo. "Da presidente della Favl -analizza Torroni- preferirei di no. A me fa gioco che abbia libertà d’azione e spazio. Se fossi un tecnico si, lo farei marcare a uomo: per uno come lui lo sacrifico, diciamo così un calciatore". Il capitano della Favl sposta gli equilibri come altri calciatori in un girone di ferro, pieno di stelle. "Il girone A mette paura francamente -ammette Torroni- se solo penso che il Civitavecchia col calciatore più forte e talentuoso della categoria per distacco che è Ruggiero è a 7 punti dal primo posto rendo l’idea della complessità che si percepisce durante le partite del nostro campionato". Cimini che la D però la sogna. "Noi vogliamo arrivare nel massimo campionato dilettantistico nazionale nel minor tempo possibile. Stiamo crescendo molto nei numeri col settore giovanile abbiamo uno stadio curato nei minimi dettagli ma l’Eccellenza ci sta stretta". Dopo Viterbese e Monterosi nella Tuscia, la Favl Cimini c’è, e a petto in fuori col patron.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE