Cerca

l'intervista

Pomezia, Scaricamazza: "A Civitavecchia una gara con tante variabili"

Appena ottenuto il primato in campionato i rossoblù sono pronti a tuffarsi nel quarto di finale contro i nerazzurri

26 Ottobre 2021

Stefano Scaricamazza

Stefano Scaricamazza, allenatore del Pomezia (Foto ©CalcioPometino/Spadolini)

Trasferta di Coppa Italia difficile e soprattutto determinante per un Pomezia, in procinto di recarsi a Civitavecchia in occasione del quarto di finale tutto da vivere col fiato sospeso coi valorosi tirrenici di Castagnari: trattasi infatti di gara secca ad eliminazione diretta.Rossoblu reduci dalla vittoria in campionato e che vittoria viene da dire, maturata al termine di una gara molto ben interpretata contro la W3 Maccarese: punteggio finale 2-0. Il successo sopracitato, ha consentito al Pomezia di scavalcare proprio il team diretto da Manelli nella graduatoria generale: ora Massella e compagni sono primi in classifica.
Artefice, sicuramente di questo avvio di stagione davvero positivo da parte del club caro a Bizzaglia, l’ex tecnico della Faul Cimini in forza appunto al blasonato sodalizio pontino: Stefano Scaricamazza. "Stiamo attraversando -racconta Scaricamazza- un buon momento. Battere la W3 è stato fondamentale non solo per quanto concerne la classifica. Ai miei ragazzi ho chiesto una prova complessiva solida e così è stato. Nel processo di crescita e consapevolezza dei propri mezzi la tappa appena vissuta a Torvaianica è significativa".Pomezia che è il quarto miglior attacco del raggruppamento ma soprattutto la miglior difesa con sole 4 reti subite in 6 gare disputate. "Per arrivare in alto e rimanerci serve equilibrio. I ragazzi che ho la fortuna di allenare quest’anno sono persone intelligenti prima che calciatori molto dotati tecnicamente. Inseguo e porto avanti un’ideale di calcio dove un lavoro di squadra e di gruppo architettato ad inizio stagione deve avere riscontri progressivi, durante il percorso intrapreso". Un percorso che è anche un modo di pensare da squadra matura, pronta ad imporsi ovunque: sotto questo aspetto Civitavecchia è uno snodo allettante. "Si tratta di una gara dove le variabili possono moltiplicarsi in corso d’opera, essendo un confronto ad eliminazione diretta. Affrontiamo una formazione che merita il massimo rispetto per la tradizione della piazza e per la caratura del team creato dalla proprietà nero azzurra. Giocheremo per vincere ovvio ma sappiamo che può accadere di tutto: sicuramente abbiamo morale alto e fiducia generale in aumento". Pomezia che è una sorta di isola felice anche per un mister come Scaricamazza che di piazze importanti ne ha viste e vissute eccome, da protagonista."Proprietà, dirigenza, staff, calciatori, tutti mostrano grande senso di appartenenza nei confronti di un club che sta costruendo un’idea di calcio nei dilettanti molto intraprendente. Chiaramente qua al Pomezia si cerca di crescere attraverso i risultati, del resto è una società che non cela mai le proprie ambizioni: è sacrosanto insomma sia così". 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE