Cerca

l'intervista

Gioacchino La Pietra: "Un club come il Ladispoli merita il meglio"

Il dg rossoblù analizza la prima parte di stagione in attesa dello scontro diretto con la Cimini di domenica

09 Novembre 2021

Gioacchino La Pietra

Gioacchino La Pietra, dg del Ladispoli

Seconda alle spalle della super favorita alla vittoria finale Pomezia. 18 punti su 24 conquistati. 6 vittorie, 15 goal segnati, un’età media della rosa in mano a Franceschini pari a 22 anni: non è una favola ma il tratteggio sommario del Ladispoli. Tre mesi decisamente in crescendo quelli vissuti dai rossoblu: a commentarli, il direttore generale del club Gioacchino La Pietra."Partirei da ieri, una gara vinta con merito e gestita con intelligenza. Il mister sta mostrando molta saggezza nella cura del gruppo. Non siamo una corazzata ma anche grazie all’esperienza del nostro ds Claudio Carelli disponiamo di una rosa molto valida per la categoria; la ciliegina finale Toscano che, insieme a Teti, Bezziccheri e Pallozzi forma un reparto d’attacco qualitativo sotto ogni aspetto. Citazione per D’Aguanno che ieri ha giocato una partita di spessore: è un giovane che viene dal nostro vivaio ed ora un valore aggiunto in prima squadra". All’orizzonte la succosa sfida con la Cimini a Vignanello. "Una partita che offre già spunti di rilievo. Ad esempio il duello a distanza tra Luca Teti e Manuel Vittorini; insieme a Massella le prime punte top della categoria. Sarà una partita di calcio che andrà gustata senza altre situazioni diciamo perimetrali. Andiamo in terra viterbese per giocare la nostra gara: siamo in fiducia e questo dovrebbe aiutare quantomeno nell’approccio".Ladispoli che si crogiola ma con umiltà, all’interno di una seconda posizione attuale davvero di prestigio, visto la competitività del girone A. "Stiamo lavorano in una certa maniera: a fari spenti e senza audaci proclami. La nostra forza in questo momento è la consapevolezza che abbiamo acquisito nei nostri mezzi. La stagione è iniziata con qualche difficoltà ma ci siamo ripresi e questo è ciò che più conta: siamo ad un passo dalla vetta e c’è orgoglio per questo. Il percorso è lungo comunque, lo sappiamo: conosciamo abbastanza la categoria e le sue difficoltà" Un’Eccellenza stravolta dai tre gironi pensati del CR Lazio "Viviamo un fase interlocutoria. Siamo pur sempre dentro una pandemia. Sorrido quando leggo che mancano gli arbitri; con 30 partite in più a settimana rispetto allo scorso anno non potrebbe essere altrimenti. La competizione è avvincente quando ben calibrata, il ritorno ai due gironi in Eccellenza e ai canonici quattro in Promozione, riporterà come si dice tutto al suo posto: serve un po’ di pazienza".Bilancio finale su un biennio veramente positivo per i colori rossoblu. "Manteniamo un livello di competitività alto -conclude Gioacchino La Pietra- beneficiando anche dell’ingresso in società di figure importanti come Furio e Valerio Fischer. Ladispoli merita il meglio e credo proprio che, visti i tempi, noi lo stiamo offrendo soprattutto grazie all’impegno e alla generosità della nostra presidentessa Sabrina Fioravanti che si occupa della prima squadra. Un plauso che estendo anche a Barbara Del Greppo le cui premure sono rivolte essenzialmente nei confronti del settore giovanili: due figure importanti e professionali, per un club proteso con ottimi intenti, verso il futuro".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE