Cerca

dopo gara

Sora, il tecnico Alessio Ciardi: "Una prestazione di umiltà e sacrificio"

L'allenatore dei bianconeri analizza l'ottima prova contro il Gaeta al Riciniello 

15 Novembre 2021

Ciardi

Alessio Ciardi (Foto ©Sora)

Un Sora ai limiti della perfezione conquista 3 punti preziosi imponendosi 1-3 al Riciniello contro il Gaeta. Reti nel primo tempo di Di Ruocco e Rossi (su calcio di rigore), tris che chiude la contesa di Square. Bianconeri a 17 punti (-5 dalla vetta), e riscatto dopo il ko con il Ferentino con un’ottima prestazione corale. Una prestazione "di umiltà e sacrificio" l’ha definita il tecnico, Alessio Ciardi, che ha avuto la capacità di preparare la partita nel minimo dettaglio. "Il merito è dei ragazzi perché hanno fatto una prova superlativa" – ha commentato l’allenatore -. "Devo complimentarmi con loro. In settimana abbiamo lavorato bene, ed ero fiducioso per questa sfida. Ci siamo preparati con cura a livello tattico, conosco Di Rocco ed il suo modo di giocare molto propositivo, e l’abbiamo interpretata proprio su questo fattore aspettando e ripartendo in contropiede. E’ andata bene, e sono 3 punti importanti che ci consentono di proseguire nel migliore dei modi. Abbiamo dimostrato di essere un gruppo importante, con delle individualità di spessore". Il Sora manda un segnale alle concorrenti: i bianconeri vogliono giocarsela con le big del girone. "Io cerco di trasmettere fiducia e di preparare le partite al meglio. A volte ci riusciamo, altre no. L’importante è l’atteggiamento dei ragazzi. Come blasone dobbiamo essere lì. Ogni domenica dobbiamo entrare in campo per ottenere il massimo. Con il Ferentino non è andata bene. Abbiamo approcciato male la partita e loro hanno fatto un incontro di contenimento ed in 2 situazioni hanno trovato i gol. Noi purtroppo non abbiamo avuto quella cattiveria e quella voglia di riprendere la partita, ma questo risultato ci è servito per voltare pagina e per capire che dobbiamo essere più umili e meno presuntuosi. Al Riciniello i ragazzi lo hanno dimostrato e si sono messi al servizio dei compagni e dell’allenatore: bene così". 17 punti dopo 9 partite, il bilancio provvisorio di Alessio Ciardi: "Sono subentrato da 4 settimane. In questi casi è sempre un’incognita, anche perché ho trovato una situazione non drastica. Sono entrato in punta di piedi in uno spogliatoio che già sentivo mio, ho trasmesso umiltà, la cosa più importante per vincere. Abbiamo dimostrato di essere squadra e si è visto che il Sora è una realtà importante che può ambire alle posizioni di vertice".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE