Cerca

L’INTERVISTA

Andrea Necci: "Campus Eur è la mia casa da 5 anni"

Parola al capitano della formazione di Cangiano che commenta la stagione in corso ma non solo…

09 Dicembre 2021

Andrea Necci in azione (Ph. Torrisi)

Andrea Necci in azione (Ph. Torrisi)

Rappresenta sicuramente uno dei punti di forza del Campus Eur di Sasà Cangiano e sta cercando di rendere al massimo per migliorare, di settimana in settimana, la classifica attuale: parliamo di Andrea Necci che ha parlato del suo solido rapporto con la Società affrontando diverse tematiche importanti.

Buongiorno Andrea, nell’ultima sfida avete conquistato un largo successo contro il Fiumicino: come giudichi la prima parte di stagione? Credi che sia possibile ottenere la salvezza diretta considerando il regolamento di quest’anno? Quali sono a tuo avviso i vostri punti di forza e i vostri punti deboli?

"Siamo soddisfatti della partita contro il Fiumicino, l’abbiamo affrontata con la giusta cattiveria e determinazione portando a casa 3 punti fondamentali per la corsa alla salvezza, sono fiducioso e visto il gruppo credo che alla fine riusciremo a salvarci direttamente anche se non è facile. Il nostro punto di forza è sicuramente l’unione del gruppo perché siamo una famiglia e remiamo tutti dalla stessa parte, anche nei singoli siamo forti e soprattutto il mister ci fa giocare molto bene, finora abbiamo peccato un po’ di esperienza in determinate occasioni e un pochino di cattiveria, ma stiamo crescendo anche sotto questo punto di vista, partita dopo partita".

Quale è il tuo rapporto con la squadra e con lo staff? Come ti trovi con mister Cangiano? Chi vincerà secondo te il girone A?

"Questo è il mio quinto anno al Campus Eur e se sto ancora qui è perchè in questa società ho trovato la mia casa, sto bene ed ho un ottimo rapporto con tutti a partire dal direttore fino al magazziniere. È il secondo anno con mister Cangiano che a mio avviso è un tecnico forte, prepara bene le partite e conosce bene il calcio, è un vero professionista. Ci sono ottime concorrenti alla vittoria finale ma fin qui la più preparata che ho visto è il Pomezia oltre a noi".

Quali sono i tecnici che da quando hai iniziato a giocare a calcio ti hanno insegnato di più sia dal punto di vista tecnico che umano? Chi sono i riferimenti che hai dal punto di vista calcistico nel mondo del professionismo?

"Nelle giovanili la societá che mi ha insegnato di più a livello umano e mi ha fatto diventare un professionista in quello che faccio è il San Paolo Ostiense, e lì il tecnico che devo ringraziare più di tutti è Emanuele Cardinali, che oltre ad avermi fatto crescere come uomo, calcisticamente parlando ha avuto l’intuizione di farmi giocare nel mio ruolo attuale dove poi sono sbocciato, cioè l’esterno d’attacco. Il mio idolo nel calcio è sempre stato solo uno, Francesco Totti, ed ho sempre voluto essere come lui fin da bambino".

Quali sono a tuo avviso i tre principi fondamentali per diventare un calciatore ad alti livelli? Cosa ti senti di consigliare ai ragazzi delle giovanili e ai bambini della scuola calcio?

"Ai ragazzi delle giovanili e della scuola calcio consiglio di impegnarsi tanto se è questo che vogliono fare, so che a volte è difficile ma si devono fare dei sacrifici per inseguire i propri sogni, infine gli dico di non fermarsi davanti a niente e nessuno e di credere sempre in loro stessi".

Quale è il tuo sogno nel cassetto da calciatore? E nella vita hai degli obiettivi da realizzare? Quanto è importante costruirsi un futuro solido oltre a calcio stando nel mondo regionale?

"Il mio sogno nel cassetto da calciatore è sempre quello di giocare nei professionisti e spero di riuscirci un giorno, è importante nella vita tenere sempre altre porte aperte oltre al calcio perchè non sempre le cose vanno come noi vogliamo. Il mio sogno extracalcio è di aprire una mia attività e per raggiungere questo obiettivo mi impegneró allo stesso modo di quando sto nel rettangolo verde".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE