Cerca

l'intervista

Federico Pace: "La maglia della Lupa la sento mia. Stiamo lavorando per grandi traguardi"

Il tecnico dei castellani fa il punto in vista del girone di ritorno, soffermandosi anche sul suo rapporto con la società

05 Gennaio 2022

Pace

Il tecnico della Lupa, Federico Pace (Foto ©Benedetti)

Al giro di boa, il girone C dell'Eccellenza laziale ha incoronato come prima della classe la Lupa Frascati. I castellani hanno chiuso l'andata con 34 punti frutto di dieci vittorie, quattro pareggi, una sola sconfitta, e un margine di due lunghezze sulla coppia Ferentino - Sora. Una Lupa che ha rispecchiato quelle che erano le previsioni della vigilia con la maggior parte degli addetti ai lavori che la davano come prima favorita per la vittoria finale. Ma il girone si è rivelato davvero tosto e complicato, ne dà conferma il tecnico, ormai divenuto una garanzia per la società, Federico Pace: "Ho detto sin dall'inizio che sarebbe stato un gruppo molto impegnativo con almeno 5-6 squadre ben attrezzate e di grande blasone. Così si è rivelato anche in considerazione del fatto che, partendo come una delle favorite, ogni avversaria contro di noi ha avuto quello stimolo in più anche a discapito della propria classifica". Incontrate tutte le altre 14 compagini, il tecnico si sofferma poi su quelle che più lo hanno impressionato e che secondo lui possono giocarsela fino alla fine insieme alla Lupa: "Sicuramente Sora, Ferentino e Sezze. Quest'ultima ha una rosa ben assimilata da due anni, il Ferentino si è mosso bene sul mercato come lo stesso Sora, che metto un pelo più avanti rispetto alle altre due visto il filotto positivo intrapreso". Domani inizia il ritorno, ma i castellani non scenderanno in campo come tantissime altre squadre in categoria. Il gruppo però continua a lavorare: "Sì - prosegue Pace - i ragazzi si allenano giorno per giorno con il massimo impegno. Per il girone di ritorno mi aspetto la stessa squadra che ha chiuso da prima l'andata, consapevole di non dover commettere più determinati errori che ad oggi ci costano qualche punto ma al tempo stesso forte delle certezze e del gioco che finora hanno fatto la differenza". Infine, il tecnico pone l'accento sul suo rapporto con la Lupa Frascati: "Ormai sono sei anni che lavoro per questa società iniziando dagli Allievi fascia B. Ho vissuto due gestioni, la prima in cui ci siamo ritrovati in Eccellenza grazie all'ottimo lavoro svolto e quest'ultima dove insieme al presidente Manzo e al direttore Moroncelli ci auguriamo di raggiungere i nostri importanti traguardi. La maglia della Lupa la sento mia". 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE