Cerca

l'intervista

Tivoli, Pagliaroli: "Ripresa? Non dovranno esserci cali, la squadra lo sa"

Il direttore sportivo dei tiburtini torna sulla gara con il Cantalice e guarda avanti, ad un girone di ritorno da prendere con le molle

14 Gennaio 2022

Pagliaroli

Enrico Pagliaroli (Foto ©New Light)

Le prossime due domeniche il campionato di Eccellenza resterà fermo, salvo nuovi aggiornamenti. Due settimane di stop in cui la Tivoli non intende minimamente abbassare la guardia. Il distacco dalle inseguitrici è davvero considerevole ma guai a sentirsi già al sicuro, anche perché sarà un girone di ritorno da prendere con le molle e sicuramente molto diverso da quello d’andata. Intanto, la squadra di Pascucci ha messo in ghiaccio la prima vittoria del 2022 battendo nell’ultimo turno il Cantalice disputando un’ottima prestazione che ha lasciato soddisfatto il direttore sportivo Enrico Pagliaroli: "Il giudizio sulla nostra ripresa è senza dubbio positivo, nonostante le numerose assenze abbiamo ottenuto un’altra vittoria riuscendo anche ad allungare sulle altre. Adesso ci godiamo la sosta da primi della classe anche se stiamo continuando a lavorare come fatto dall’inizio. La squadra ha raggiunto una certa maturità ed è consapevole di quanto sta facendo e di ciò che dovrà ancora fare. In chiave ripresa mi aspetto che non ci siano perciò cali di concentrazione ma come detto i ragazzi lo sanno. Ogni partita andrà giocata al massimo, sarà un campionato completamente diverso. Noi vogliamo ripartire alla grande e prepararci partita dopo partita alle fasi finali". Il rapporto tra la squadra e Pagliaroli è davvero molto stretto. Ne è una dimostrazione il fatto di vederlo sedere in panchina ogni domenica: "In passato ero abituato a vedere le partite dalla tribuna, quest’anno invece sto vivendo per la prima volta il ruolo di direttore sportivo dalla panchina. Un modo di interpretarlo che consiglio ai miei colleghi, stando a stretto contatto con la squadra si riescono a capire meglio determinate dinamiche e personalmente mi sento come uno di loro, riferito ai ragazzi. Ovviamente deve esserci sempre quello stacco tra giocatore e direttore, ma in gruppo come il nostro tutto questo si può fare".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni