Cerca

dopo gara

Scaricamazza: "Il merito è dei ragazzi, il giusto finale dopo undici mesi durissimi"

Il tecnico ha battuto il Livorno riportando il Pomezia in Serie D al termine di una stagione infinita

20 Giugno 2022

Scaricamazza

Il tecnico del Pomezia, Stefano Scaricamazza (Foto ©Cervera)

Eroico! Così abbiamo titolato nell'edizione di questa mattina. E' sicuramente questo l'aggettivo che possiamo affibbiare ad un Pomezia mai arrendevole, sempre sul pezzo e che tra mille insidie è riuscito ad agguantare la tanto agognata Serie D. Un traguardo che sarebbe stato meritato anche prima della disputa dei play off, in cui i ragazzi di Stefano Scaricamazza hanno gettato il cuore oltre l'ostacolo tornando in Interregionale dopo due anni. Onore e meriti al tecnico dei rossoblù. Scaricamazza può finalmente godersi il successo: "E' stata una stagione lunga - dichiara - iniziata a fine luglio e conclusa ieri 19 giugno. Undici mesi lunghi e molto difficili da affrontare. Vincere in un girone come il nostro dopo trenta partite è stato complicato, e già in queste trenta partite i ragazzi avevano dimostrato di meritarsi questo traguardo. Ai play off non ci è andato tutto bene e questo è sotto gli occhi di tutti, ma non vogliamo tornarci su. Nella fase nazionale la squadra ha giocato quattro partite straordinarie, soprattutto ieri restando subito in dieci. I ragazzi non sono andati giù di testa e questo era fondamentale. Le qualità, la tecnica e la tattica le avevamo da undici mesi, ieri serviva una grande prova mentale. Ancora una volta hanno provato a metterci in difficoltà con un rigore inesistente ma poi proprio i rigori ci hanno dato quello che i ragazzi meritavano. Affrontare una finale play off contro una piazza come Livorno è stata una bella soddisfazione. In queste due partite abbiamo dimostrato di essere superiori. All'andata per settanta minuti abbiamo annullato il Livorno, questo ha fatto entrare nella testa dei ragazzi che potevamo giocarcela tranquillamente e vincere. L'abbiamo vinta ai rigori ed è stata una grande soddisfazione. Merito a loro che per undici mesi hanno lavorato a testa bassa senza mai porsi limiti, è giusto che abbiano festeggiato anche per le enormi qualità umane dimostrate".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE