Cerca

l'evento

Reset e Lodigiani chiudono alla grande: che festa al Palacavicchi!

Il sodalizio tra la società di Davide Lippi e Carlo Diana e il club biancorosso ha dato vita ad una magnifica serata per festeggiare la fine di un 2016 da incorniciare, e nel 2017 non mancheranno le novità...

22 Dicembre 2016

Uno scatto della festa della Lodigiani e della Reset

Uno scatto della festa della Lodigiani e della Reset

La Lodigiani e la Reset Academy chiudono l'anno in grande stile. Una festa organizzata per celebrare un anno più che positivo e, soprattutto, il primo in cui si è potuto vedere all'opera il sodalizio tra i biancorossi e la Reset, una delle realtà legate al calcio più prestigiose sul territorio nazionale e non solo. Dal palco del Palacavicchi si è così potuto ammirare un mare di ragazzi, genitori, allenatori e dirigenti, tutti uniti in una festa davvero senza eguali.


Uno scatto della festa della Lodigiani e della Reset


Davide Lippi e Carlo Diana

A dare il calcio d'inizio alla serata ci hanno pensato Davide Lippi e Carlo Diana, fondatore e cofondatore della Reset Group. Il primo non nasconde l'emozione nel vedere i tanti ragazzi coinvolti nell'evento: “E' emozionante, ma in fondo Roma è questo, è cuore, è anima e ci ricorda che il calcio non è solo un business. Appena arrivato ho detto a tutti gli allenatori e ai dirigenti della passata gestione che né io né la mia famiglia saremmo stati di passaggio. Ecco perchè siamo qui, per portare avanti un progetto per il calcio e, perchè no, riuscire a regalare ai ragazzi un sogno. Quest'anno in fondo una ventina di loro sono passati ai professionisti speriamo che sempre di più ce la facciano”. Assiema a lui, emozionato anche Carlo Diana: “ Lavoro con Messi, Maradona, Chiellini ma le emozioni che provo in serate così sono ineguagliabili, per questo devo ringraziare il mio staff che mi ha dato l'idea di farla, organizzando tutto in tre giorni. Vedere 600 bambini, 600 genitori, tutti contenti e soddisfatti è una cosa che non ha prezzo”. Una parola Diana ce la regala anche sui progetti della Reset: “L'impianto che cercavamo l'abbiamo trovato a Roma e per dare vita ad un progetto di scuola calcio in un tessuto sociale dove il calcio giovanile ha numeri importanti era questo il punto di partenza migliore . Roma deve essere il punto di riferimento in Italia e nel mondo con un occhio a quei paesi che hanno bisogno di imparare ad insegnare calcio, Cina in primis – in chiusura, Diana una battuta la dedica al progetto Insuperabili – E' il nostro fiore all'occhiello, loro sono partiti da Torino tre anni fa con un progetto di scuola calcio per ragazzi con disabilità. Ci avevano avvicinato per avere come testimonial Giorgio Chiellini, poi ho visto come lavoravano, l'impegno e la dedizione, ci siamo innamorati e così li abbiamo accolti nella nostra famiglia. Ora speriamo di riuscire ad organizzare un evento che li raccolga tutti, anche le loro scuole calcio satellite, qui a Roma anche se non sarà impresa semplice”. A dimostrazione dell'impegno e della presenza reale e costante, e quindi non solo formale, della Reset ci sono le parole di Luca Pennacchi, direttore generale, che ci spiega perchè per il polo romano è stata scelta proprio la Lodigiani: “E' stato un anno importante, in cui abbiamo iniziato a costruire quella che è la nostra idea di scuola calcio, speriamo che il 2017 porti i frutti di quello che stiamo costruendo. Sono l'unico romano della Reset, conoscevo la Lodigiani ancora prima che arrivassimo. E' stato anche su mio consiglio se abbiamo scelto di investire su questa realtà che secondo me è l'unica collocabile appena un gradino sotto le professioniste che ci sono a Roma”. Se il 2016 è stato dunque un anno importante, lecito attendersi un 2017 ancora più interessante...



Marco Marchi, responsabile progetto Reset AcademyReset e Lodigiani, un connubio fondato sul calcio e per il calcio. A darci un'idea del grande lavoro che stanno svolgendo sul campo in via della Capanna Murata, c'è Marco Marchi responsabile del progetto Reset Academy: “Importante essere qui oggi con questa festa che rappresenta la costruzione del gruppo, la realizzazione della famiglia e può creare un senso di appartenenza. Sul campo noi saremo di supporto con dei modelli didattici creati e collaudati nei decenni precedenti dove abbiamo capito che il miglioramento del ragazzo passa dalla crescita del coach. Lavoreremo costantemente sulla formazione dei responsabili e degli allenatori con l'obiettivo unico di costruire il miglior programma d'allenamento”. Non solo questo però perchè le novità di certo non mancano: “Assieme a questo parte il progetto Evaluation. Attraverso dei video facciamo dei test, tecnici e fisici, ai ragazzi e diamo una fotografia realmente oggettiva di quella che è la realtà del ragazzo. In questo modo possiamo dare dei feedback precisi dando così ai coach informazioni specifiche su ogni ragazzo per poter costruire il miglior programma d'allenamento. Ad oggi abbiamo testato i nostri 700 tesserati, lo faremo 3 volte l'anno e quindi vedremo il loro miglioramento. Questo è un progetto che è piaciuto, tanto che lo abbiamo venduto in esclusiva al Napoli e abbiamo testato già 1500 ragazzi. Lo stiamo per fare a Bari, Lecce e a Milano e sicuramente siamo a disposizione anche a Roma per tutte quelle società e quei ragazzi che vogliono migliorare le loro capacità”. Parlando di campo impossibile non ascoltare le parole di Patrizio Melfa, responsabile dell'attività agonistica: “Abbiamo dato un segnale importante, al mondo calcistico e non solo. La Lodigiani c'è, la Reset c'è, e abbiamo dato vita ad un progetto a lungo termine e non che dall'oggi al domani possa finire. Vogliamo affermarci su Roma e non solo. Il 2017? Partiranno progetti importanti, come la scuola calcio individuale o iniziative dedicate ai portieri, o il progetto Evaluation. Il prossimo sarà un anno fondamentale, l'obiettivo è di rendere una realtà come la Lodigiani ancora più importante, di affermarci ma soprattutto di permettere a tutti di migliorarsi e competere a qualsiasi livello. Non importa se da grande faranno la Serie A o i tornei di calcetto con gli amici, l'importante è permettere a ciascuno di loro di vivere il proprio sogno”.



Luca Santucci, premiato come miglior tecnicoIn chiusura ci immergiamo ancora più in profondità nel mondo della Lodigiani. Premiato come miglior allenatore dei biancorossi è stato Luca Santucci, tecnico dei 2003 biancorossi: “Grande soddisfazione, non nascondo che mi fa piacere. Ringrazio presidente Malvicini, Carlo Diana, Davide Lippi e Luca Pennacchi”. Il tecnico chiude dunque alla grande questo 2016: “Arrivare a giocarsi una finale Elite vuol dire fare un percorso importante, c'è stata una grande crescita con i 2001 e anche con i 2003 stiamo facendo bene. Ci tengo però a precisare che questo è stato possibile grazie a delle persone che condividono quotidianamente con me gli allenamenti e il rapporto con i ragazzi. Emanuele Sanelli, Pierpaolo Mazzola, Alessandro Mannetta, Luca Catracchia,Alessio Babbini, sono tutti ragazzi che in questi 2 anni hanno fatto e gruppo e sono stati importanti”. Stagione importante è anche quella che sta vivendo il nuovo arrivato in casa Lodigiani, Tommaso Caranzetti che ci racconta che aria si respira nel club biancorosso: "Per me è un'esperienza nuova e mi trovo benissimo. Lavorare qua è un piacere. Per noi allenatori è importante essere in condizione di poter lavorare, qui è così perchè attorno abbiamo una macchina che funziona perfettamente. Onorato di fare parte di questa società che rappresenta la storia del calcio giovanile a Roma e in Italia”.


Di seguito la lista di tutti i premiati:
Miglior Allenatore: Luca Santucci
Miglior giocatore Giovanissimi: Gianmarco Canciani
Miglior giocatore Allievi: Marco Stramenga
Miglior portiere: Andrea Isidori
Miglior gruppo Scuola Calcio: Pulcini 2005
Premio disciplina: Mirko Marozzi
Miglior Dirigente: Angelo Pichierri
Miglior collaboratore: Deborah Tissi
Miglior partner commerciale: Andrea Simonetti
Miglior papà: Fabio Tomaselli
Miglior mamma: Rossella Iovino

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE