Cerca

l'inchiesta

Calciomercato 2.0, Maragliulo: "Quant'è brutta l'invidia..."

Il direttore sportivo della Spes Artiglio: "Il problema sono tutti quei genitori che si 'prostituiscono' "

18 Giugno 2018

Michele Maragliulo, Spes Artiglio

Michele Maragliulo, Spes Artiglio

Michele Maragliulo, Spes Artiglio

Michele Maragliulo, direttore sportivo della Spes Artiglio, non ha peli sulla lingua e interviene sull'inchiesta Calciomercato 2.0: “Queste cose succedono da prima che nascessi anch'io. Per quale motivo ora gli addetti ai lavori si scandalizzano? C'è un chiaro riferimento ad una società, ma è solo invidia, perché si parla di un club che non solo vince, ma riesce al contempo a vendere giocatori nel professionismo. Ripeto, è solo gelosia, basta fare i finti perbenisti”. Maragliulo ce l'ha in particolare con una categoria: “Tutti quei genitori che si 'prostituiscono'. Uso un termine forte, ma voglio rendere l'idea. Un padre che va dal direttore sportivo a chiedere il rimborso per il proprio figlio fa solo il male del ragazzo, ma questo purtroppo non lo capiscono. E' meglio avere il kit gratis, qualche cento euro, ricevere telefonate solo per parlarne sotto l'ombrellone ad agosto. Il male di questi ragazzi sono le persone che dovrebbero tutelarli”. Discorso che si lega alla questione vincolo: “Personalmente – conclude Michele Maragliulo - Non ho mai sviluppato un discorso del genere, ma francamente non condanno le società che decidono di investire su un giocatore e, per tutelarsi, chiedono il vincolo. Sono sempre i genitori che firmano...”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE