Cerca

L'intervista

Lodigiani, la carica di Pichierri: "Siamo pronti per vincere"

Il direttore del club biancorosso ufficializza il nuovo staff tecnico e rilancia le ambizioni societarie: si punta ai playoff

13 Luglio 2019

Lodigiani, la carica di Pichierri: "Siamo pronti per vincere"

Image title

Aria di cambiamento? Eccome. È quella che si respira alla Lodigiani in questo periodo di attenta preparazione e organizzazione. Ma ogni cambiamento che si rispetti, perché possa durare e non essere un fuoco di paglia, deve necessariamente muovere i suoi passi salvaguardando e rispettando le solide basi che l’hanno preceduto. Tutto quel che di buono la Lodigiani ha sempre dimostrato di aver ottenuto e di proporre ai suoi tesserati resterà al suo posto. Sventola e sventolerà alto il vessillo dell’importanza del prodotto interno del settore biancorosso. Da lì, dalla bontà del lavoro svolto nella scuola calcio, si parte e si riparte come sempre alla Lodigiani, come ci racconta il direttore Angelo Pichierri. “Esaltare e sviluppare al meglio il settore dell’attività di base è sempre stato un nostro obiettivo ed è una priorità della Reset, che, con il tempo, ha strutturato qui un lavoro importante. La nostra scuola calcio è sempre stata di alto livello e noi, a differenza di altri, non facciamo chiacchiere, facciamo i fatti. Noi valorizziamo veramente il prodotto del nostro lavoro, non ci sconfessiamo andando a costruire le squadre con ragazzi di altrove. Anche quest’anno non a caso, se guardiamo la squadra che si prepara ad esordire nell’agonistica, ci siamo assestati ancora una volta sulla nostra media di un 90% di ragazzi cresciuti nella nostra scuola calcio. Questo perché riteniamo che, soprattutto il campionato Under 14, rappresenta un momento in cui i ragazzi devono poter mettere in pratica quello che hanno appreso durante la scuola calcio. Noi vogliamo dare questa possibilità ai nostri e, lavorando bene alla base, questo nostro modo di operare non danneggia mai la qualità delle rose. Parlando di settore giovanile agonistico la Lodigiani ha ormai deciso ufficialmente quali saranno i tecnici del prossimo anno. A presentarceli è proprio il direttore Pichierri. “La nostra Under 19 sarà guidata da Nunzio Caterino, un allenatore che ormai da cinque anni fa parte di questa società. È il ‘veterano’ del nostro staff tecnico e un punto fermo. Finché ci sarà disponibilità e volontà da parte sua sarà sempre un allenatore della Lodigiani. Obiettivi per la stagione? Vogliamo provare a migliorare quanto fatto lo scorso anno…” In Under 17 invece ci sarà Diego Bartoli. “Un allenatore che non ha bisogno di presentazioni. L’anno scorso ha dovuto faticare per insegnare il suo modo di vedere il calcio alla squadra, ma i risultati si sono visti, soprattutto nella parte conclusiva del campionato.” Grandi aspettative riguardo il gruppo dei 2003. “È un team destinato a fare bene, vogliamo arrivare alle finali con loro.  Siamo riusciti a rinforzare il gruppo nei punti giusti, rendendolo uno dei nostri fiori all’occhiello.” In Under 16 il ritorno di mister Daniele Lorenzetti: “Parliamo di un tecnico che ha fatto molto bene da noi prima del doppio incarico all’Ottavia. Ci aspettiamo tanto da lui e da un gruppo dove siamo riusciti a tenere quasi tutti quelli che volevamo. C’è la speranza di poter fare molto bene.” Abbiamo parlato di ‘fiori all’occhiello’ prima, al plurale: il principale fra questi è l’Under 15. “Puntiamo tanto su di loro. Abbiamo tenuto tutti i nostri, la cosa più importante e difficile in un mondo di millantatori come questo, mettendo dentro a una squadra coesa e già quadrata degli innesti forti, che possono dare un grosso contributo. Abbiamo affidato la squadra ad Albino Isabella: un tecnico giovane, con idee interessanti, che sta dimostrando qui con noi il suo valore.” Infine i classe 2006, ultimo prodotto della scuola calcio biancorossa pronto per il grande salto nell’agonistica. A guidarli in questa difficile ma esaltante esperienza sarà Fabrizio Papotto. “Arrivato a marzo qui da noi, Fabrizio è stato bravo a tranquillizzare il gruppo dei 2004, facendo molto bene. Ora ripartirà con la nostra Under 14: teniamo tanto a questa squadra, frutto degli sforzi della nostra scuola calcio. I presupposti affinché faccia bene ci sono tutti, ma con questa il nostro obiettivo è la formazione, come dovrebbe sempre essere in questa fascia di età.” Parlando in generale, chiediamo al direttore se è fiducioso in vista del prossimo anno. “No, non sono fiducioso…” ci spiega Pichierri. “…io sono sicuro di far bene il prossimo anno. Fino ad adesso il nostro obiettivo è sempre stato far crescere i nostri ragazzi. Ora, oltre quello, inizieremo anche a guardare al risultato. Questo però non cambierà mai la base del nostro modo di vedere il calcio: la qualità in campo è la prima cosa e siamo certi che gli allenatori che abbiamo scelto sapranno mettere in pratica un gioco divertente e propositivo, come sempre qui da noi. Differenze rispetto al passato? Anzitutto siamo riusciti quest’anno a tenere tanti nostri bravi ragazzi e da loro, da questa solida base, ripartiamo con grande forza. Inoltre la Reset sta facendo molto, spendendo e spendendosi notevolmente: il loro legame con noi cresce sempre di più.” In quanto a investimenti  e novità, per l’appunto, ce n’è di carne al fuoco. “Stanno per partire proprio ora, nel mese di luglio, i lavori per realizzare il campo e una nuova tribuna di quaranta metri: strutture importanti che dimostrano l’impegno e la serietà dell’investimento che la Reset compie qui da noi. Inoltre, dalla prossima stagione, saremo inseriti in un circolo esclusivo, in cui saremo l’unica dilettante: si tratta di un database in cui rientrano diverse società professionistiche che avranno modo di monitorare costantemente tutti i nostri atleti. Un altro grande passo, un’altra grande opportunità per noi e per i nostri ragazzi frutto della fiducia che la Reset ripone in noi.”

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE