Cerca

L'intervista

Tor Tre Teste, Della Torca: "Noi ci alleniamo così"

Il coordinatore dei preparatori atletici rossoblù ci illustra nel i programmi di lavoro dei rossoblù, svolti interamente in casa

18 Marzo 2020

Riccardo Della Torca

Riccardo Della Torca

Riccardo Della Torca

L'emergenza Coronavirus e, di conseguenza, le misure restrittive emanate dal governo, hanno creato una nuova dimensione all'interno della vita sportiva agonistica: il lavoro a casa. In un momento in cui non è lecito riunirsi per il canonico allenamento al proprio centro sportivo, diverse squadre si organizzano per lavorare al meglio delle proprie possibilità fra le mura domestiche, sfruttando i vantaggi offerti dalla tecnologia, per ridurre il più possibile l'impatto da distanza. Per esempio la Tor Tre Teste ha strutturato un lavoro molto articolato e cadenzato, andando a occupare in modo scientifico ogni giorno della settimana, dando quasi l'illusione di un vero e proprio lavoro di squadra tutti insieme. Ne abbiamo parlato con il coordinatore dei preparatori atletici, Riccardo Della Torca, che ci ha spiegato nel dettaglio come i rossoblù stiano vivendo e lavorando in questo periodo. "Abbiamo organizzato e fornito a tutti un protocollo di allenamento che si compone di quattro fasi. Una prima costituita da un automassaggio decontratturante, una seconda basata su un set di movimenti già appresi durante l'anno, che si focalizzano sul discorso mobilità e allungamento dinamico e sistemico delle catene muscolari. Segue una terza fase, dove ci dedichiamo soprattutto alla parte funzionale: allenamento total body tendenzialmente a corpo libero, dato che il rapido mutare degli eventi ci ha impedito di organizzarci con attrezzi ginnici veri e propri. In ogni caso io e Renato Cardinali, nostro collaboratore, mandiamo ai ragazzi dei video sugli esercizi da fare a corpo libero e loro ci rispondono mandandoci dei feedback che eventualmente andiamo a correggere qualora ce ne fosse bisogno. La quarta e ultima fase è quella effettivamente condizionante, che prevede un allenamento metabolico il lunedì, il mercoledì e il venerdì e uno di forza il martedì e il giovedì. Sono tutte tipologie di allenamento che possono essere praticate all'interno di una casa, a parte quello metabolico che va effettuato all'esterno, in solitaria, oppure, per chi ne disponesse, su un tapis roulant". Ma non finisce qui. La socialità stessa fa parte dell'allenamento della Tor Tre Teste. "Da settembre a oggi abbiamo lavorato tanto sullo spirito di gruppo, che riteniamo essere un pilastro del nostro modo di lavorare qui. Per questo motivo abbiamo diviso i ragazzi in tre gruppi e, da questa settimana, sono iniziati i 'virtual training' tutti insieme. Alle 15:30, tutti vestiti con la tuta della Tor Tre Teste, ci incontriamo non sul campo ma su skype, pronti per lavorare ma anche per ridere, scherzare, guardarci negli occhi. Tutto questo è fondamentale per simulare, anche in questo periodo, le normali dinamiche da spogliatoio, fondamentali. Quando poi sarà il momento di tornare in campo, non bisognerà far altro che rimetter insieme i vari frammenti che compongono la performance nella sua interezza". Nel caso in cui si tornasse in campo, Della Torca ha un'opinione netta e importante sull'impatto di questa situazione: "Sono convinto che, se si ripartirà, arriveranno al traguardo coloro che sono riusciti a vivere in questo periodo nel modo meno drasticamente diverso rispetto al loro solito".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE