Cerca

L'intervista

Bettini, Andreozzi: "Lavoriamo per un grande futuro"

Il direttore generale del club di Cinecittà dice la sua sulla stagione e sui progetti futuri: il Covid non ha cambiato le ambizioni di chi lavora a via Quinto Pubblicio

19 Giugno 2020

Daniele Andreozzi

Daniele Andreozzi

Daniele Andreozzi

Parla a ruota libera il Direttore Generale del Cinecittà Bettini Daniele Andreozzi, già a lavoro per chiudere al meglio le attività di questa particolare stagione calcistica interrotta a marzo e ripartita da qualche giorno, e programmare con tutto lo staff della società della famiglia Monti la prossima, importante banco di prova per dar seguito a un percorso iniziato a giugno dell’anno scorso.


Difficile fare un punto della situazione visto ciò che è successo, ma se dovesse fare un bilancio?

"La stagione 2019 2020 che sta finendo sarà ricordata per tanto, tantissimo tempo, questo è certo. L’impegno messo per dare un’impronta comunicativa, ordinata e organizzata è stato massimo; con il responsabile dell’area tecnica Franco Rofena (persona che conosco da quando sono bambino e che apprezzo umanamente e tecnicamente) e con tutto le splendide persone che ho conosciuto o rincontrato quest’anno (dal responsabile amministrativo Roberto Cichello alla segreteria) abbiamo davvero dato tutto; avremmo commesso degli errori, avremmo fatto delle cose buone ed altre migliorabili, ma non ci siamo risparmiati mezza giornata. Un lavoro sano, costante e appassionato. Quindi sono contento, un’impostazione da cui ripartire c’è stata".


Lei era già stato qui al Cinecittà Bettini sotto altra veste, giusto?

"Per ben 2 volte ed in 2 periodi diversi della mia vita. Nel 2003 ero un giovanissimo allenatore chiamato dall’allora DS Franco Temperini (oggi responsabile della segreteria) che iniziava a muovere i primi passi in panchina; poi sono ritornato per altri 3 anni dal 2010 al 2012 come istruttore di scuola calcio quando la società era già gestita dalla famiglia Monti, che ringraziai ai tempi per la fiducia e che oggi continuo a ringraziare per il ruolo odierno".


State chiudendo la stagione con l’applicazione delle norme anti COVID; ma il futuro? Come lo vede?

"Innanzitutto spero di vedere un futuro libero da questo maledetto virus; poi il calcio, onestamente, viene dopo. Siamo ripartiti impegnandoci per queste settimane al fine di garantire ai ragazzi e ai bambini la possibilità di ritornare sul campo con i propri compagni; e devo dire che sta andando tutto molto bene, grazie alla disponibilità e alla bravura dei nostri istruttori, della segreteria e, doveroso precisarlo, dei genitori che stanno facendo egregiamente la loro parte. Quindi il futuro lo voglio immaginare senza mascherine, senza paura e con una società come il Cinecittà Bettini preparata alle sfide del futuro; migliore organizzazione, migliore qualità del lavoro, una comunicazione schietta e non ipocrita e una capacità di autocritica forte per poter intervenire subito sulle criticità".


Abbiamo letto di nuovi innesti al San Lorenzo, altra società gestita dalla famiglia Monti.

"Come saprà il San Lorenzo esiste in 2 strutture contemporaneamente; il centro Lello Della Pelle di via dei Gordiani, che la prossima stagione riaprirà i battenti della scuola calcio sotto la gestione di una figura importante del calcio romano come Eugenio Toti, e come squadre di agonistica che, per la prossima stagione, vedranno oltre agli under 15, 16 e 17 anche il ritorno della juniores. Anche per queste squadre, come per l’under 14 che invece sarà marchiata Cinecittà Bettini, stiamo lavorando con il direttore tecnico Franco Rofena per un innalzamento della qualità delle squadre che già l’anno scorso, a parte una sfortunata stagione degli under 17, hanno interrotto i campionato tutte nelle zone alte della classifica. Non da ultimo, è stata rinnovata l’affiliazione del Cinecittà Bettini con la Roma Academy mentre per il San Lorenzo abbiamo una partnership importante e attiva con la Viterbese; per questo dobbiamo ringraziare gli ottimi rapporti da sempre mantenuti tra il presidente Monti, Franco Zavaglia (nuovo direttore della squadra gialloblù) e Stefano Stigi (responsabile scouting della società ed ex DS del Bettini)"


Insomma, un rilancio importante per la società di Quinto Publicio.

"La prossima stagione sarà importantissima, come detto all’inizio. I semi sono stati gettati, vedremo cosa crescerà e come".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE