Cerca

L'Evento

"Noi esistiamo": le società hanno voglia di farsi sentire

Questo sabato alle 10:30 presso il centro sportivo del Certosa si terrà la manifestazione organizzata dal dg del Ponte di Nona, Roberto Imbimbo

29 Ottobre 2020

"Noi esistiamo": le società hanno voglia di farsi sentire

Campo Certosa, teatro della manifestazione ©Società Sportiva Certosa/FB

In seguito al DPCM emanato lo scorso 25 ottobre, c'è stata molta confusione nel mondo del calcio regionale. Le comunicazioni da parte delle istituzioni si sono susseguite l'una dopo l'altra e per giorni non si è riuscita ad avere chiarezza su quello che effettivamente fosse possibile fare o no. Allenamenti con il pallone, allenamenti individuali, tutto chiuso, anzi no. Insomma la situazione sembra cambiare di ora in ora. Le società dilettantistiche non ci stanno e così è arrivata una grande iniziativa da parte di Roberto Imbimbo, direttore generale del Ponte di Nona. Il dirigente biancorosso sta cercando di chiamare a raccolta più società possibili della nostra regione per far sentire la propria voce al grido di "Noi esistiamo", tramite una manifestazione che si terrà al centro sportivo del Certosa (via di Centocelle), sabato 31 ottobre alle ore 10:30. Queste le parole proprio di Imbimbo: "È un'idea che, con altri colleghi, avevamo in mente già da tempo. Il tutto nasce a tutela dei collaboratori sportivi e della società, perché il fatto che lo sport venga considerato come una delle principali cause di contagi ci fa rabbrividire, visto che le società si sono impegnate per rispettare le norme e lavorare nella massima sicurezza. Il nostro messaggio non è vogliamo per forza giocare, perché detta così può sembrare anche brutta, a noi sembra invece ingiusto che venga tolta a tanti ragazzi la possibilità di coltivare la propria passione, ovviamente sempre nella massima sicurezza. Non viene poi considerato anche il fatto che molti addetti ai lavori nel mondo dello sport vivono di questo e che quindi, in questo momento particolare, possono trovarsi in una situazione di difficoltà. È una cosa nata in maniera spontanea, che sta prendendo piede e che speriamo possa coinvolgere più società possibili. Ci tengo ad avvisare tutti coloro che verranno sabato mattina che chiaramente si dovranno mantenere le distanze di sicurezza ed indossare la mascherina, perché prima di tutto viene la sicurezza. Poi – conclude il dg biancorosso- faccio un ringraziamento speciale a Massimiliano Russo del Certosa che sono stati fondamentali nell'organizzazione e che ci hanno messo a disposizione il centro sportivo".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE