Cerca

In edicola

Spes Artiglio, Maragliulo: "Il calcio giovanile non è solo business"

Il direttore sportivo del club di Via Boemondo ha tenuto a specificare la funzione sociale, oltre che sportiva, del calcio

05 Dicembre 2020

Un uomo di calcio e soprattutto di campo. Ma anche un uomo e basta, con la U maiuscola. Perché? Perché ha dimostrato, come se ce ne fosse bisogno, di volere davvero il bene dei ragazzi, nel rettangolo verde ed in particolar modo fuori. Michele Maragliulo, direttore sportivo della Spes Artiglio, esordisce senza peli sulla lingua, come sempre, mettendo a nudo debolezze e ideali: “Per chi lavora nel settore giovanile il calcio non può essere solo ed esclusivamente un business. Rispetto sempre le decisioni e le idee altrui, ma mi permetto, in questo caso, di non condividerle. Mi riferisco ai tanti centri sportivi che sono stati chiusi perché in difficoltà, capisco le problematiche, ma voglio sottolineare che la nostra è un’attività sociale, oltre che sportiva. Il fatto di tenere aperto il centro sportivo e proseguire gli allenamenti permette ai ragazzi di non finire in mezzo alla strada".
L'intervista integrale sarà disponibile sul cartaceo lunedì 7 dicembre, acquistabile anche tramite la nostra edicola digitale

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE