Cerca

L'intervista

Cassino, il Montemitoli pensiero: "Il club cresce esponenzialmente"

Il tecnico dell'Under 17: "Tutto questo grazie al lavoro di Vitagliano e Di Prete"

10 Dicembre 2020

Cassino, il Montemitoli pensiero: "Il club cresce esponenzialmente"

Il tecnico dell'Under 17 insieme alla dirigenza

Il tecnico del Cassino Under 17, tra preoccupazioni per i ragazzi e voglia di uscire da questa situazione, si racconta ai nostri microfoni. Riguardo la sua società Montemitoli afferma: “Sono tornato in questa società dopo quattro anni dopo aver sposato altri progetti rispettivamente ad Arce e a Sora, esperienze entrambe positive. Non appena il presidente ha saputo in estate che non avevo sposato il progetto del Sora mi ha immediatamente ricontattato. Cassino è la società dove sono cresciuto calcisticamente ed è anche la società dove ho iniziato la mia esperienza da allenatore, parliamo di una società molto importante che grazie al direttore Vitagliano e al responsabile Di Prete si è potuto assistere ad una crescita davvero esponenziale della società.” Invece sulla situazione attuale cerca, con difficoltà, di far prevalere la passione sulle difficoltà: “Ora che vengono a mancare tutte le situazioni precedenti il clima è surreale, difficile soprattutto da accettare, una situazione complicata in quanto per chi vive il calcio con passione diventa difficile cambiare le abitudini settimanali.” Il mister del Cassino sottolinea anche le enormi difficoltà che si possono riscontrare negli allenamenti individuali che lui stesso definisce limitativi: “Fino a un certo punto puoi sviluppare situazioni di squadra, soprattutto in agonistica dove inizi a lavorare su certi concetti tecnico tattici diventa difficile svilupparli in un allenamento individuale, potrebbe risultare più facile per le attività non agonistiche ma comunque la mancanza di una partitella a fine allenamento è dannosa a qualsiasi livello, noi allenatori siamo in difficoltà nel programmare allenamenti individuali volti sempre alla crescita dei ragazzi.” Infine sul tema del rientro campo e del vaccino si pone molti interrogativi concludendo con la speranza che si possa ritornare in campo nel 2021 ma soprattutto che si possa torna a vivere normalmente grazie, oltre che al vaccino, ad un crollo dei contagi a seguito delle restrizioni.
 
 
 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni