Cerca

l'intervista

Jem’s, Caruso: "Stop pesante ma ora sta a noi dare entusiasmo"

Il presidente: “Non smetteremo di stare accanto ai nostri ragazzi, ora più che mai serve un ulteriore sacrificio per regalargli una speranza in più”

19 Marzo 2021

Jem’s, Caruso: "Stop pesante ma ora sta a noi dare entusiasmo"

“Questo ennesimo stop è stato un colpo durissimo”. Gianluca Caruso non nasconde la difficoltà del momento ma, assieme alla sua Jem's, è pronto come sempre a ripartire e prendere per mano i suoi ragazzi: “Come presidente, ma anche riportando quelle che sono le sensazioni all'interno della società, non posso non dire di essere affranto. In questi mesi abbiamo saputo resistere alle tante difficoltà, siamo riusciti a dare un nuovo equilibrio ai ragazzi che, loro malgrado, piano piano si erano abituati ad allenarsi senza partite o contatto pur di continuare a fare sport. Questa chiusura, a livello psicologico, rischia di essere distruttiva per loro. Spiegargli la situazione non sarà impresa semplice. Il nostro compito, come società ma anche come adulti assieme ai genitori, è quello di dare entusiasmo ai giovani che sono già costretti a far fronte ad un'atmosfera assai negativa”. La Jem's incassa il colpo dunque e risponde all'istante: “Mai come ora ci tengo a ringraziare tutti i miei allenatori perchè, appena appresa la notizia del nuovo lockdown, mi hanno subito chiesto un confronto telefonico per organizzare delle attività da far fare ai ragazzi per non abbandonarli. Questo loro gesto mi ha riempito di orgoglio perchè, nonostante i sacrifici che sono già chiamati a fare, non smettono di pensare alle loro squadre sacrificando tempo ed energie. Mi hanno dato una grande carica”. Caruso e la società sono dunque pronti ad accompagnare ogni tesserato in questo difficile momento: “L'anno scorso abbiamo fatto incontri a distanza su zoom, con giochi e allenamenti cecando di tener loro compagnia. Anche ora cercheremo di ripetere l'esperienza passata. L'unica cosa che chiedo ai ragazzi è di avere la forza di non mollare, di resistere, mentre ai genitori chiedo positività. So bene che a volte è difficile, anche io ho due figli e so bene quali possono essere le difficoltà nell'affrontare un simile periodo, ma ora più che mai da parte di noi adulti serve un ulteriore sacrificio per dare una speranza in più ai nostri ragazzi”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE