Cerca

l'intervista

Aranova, Natalia: "Cerchiamo di tener viva la passione per il calcio, ma è dura"

La preoccupazione del responsabile delle giovanili rossoblù, il quale analizza la situazione del movimento e lo stato d'animo dei ragazzi

23 Marzo 2021

Aranova Natalia

Il responsabile del settore giovanile rossoblù Pietro Natalia (Foto ©Aranova)

Il Lazio è in zona rossa e sono stati sospesi anche gli allenamenti per nei club sportivi che, dopo un anno difficile, stanno cercando di andare avanti comunque, nonostante tutto. E’ il caso dell’Aranova che, attraverso le parole del responsabile del settore giovanile Pietro Natalia, testimonia una situazione complessa per staff e ragazzi: “Purtroppo sta diventando una situazione insostenibile per tutti, sia per noi adulti, ma soprattutto per i ragazzi che oltre a non andare a scuola, neanche possono fare lo sport che più amano, azzerando così la loro socialità. Ovviamente le scelte fatte dal Governo sono sempre state fatte per la salvaguardia della nostra salute ma i risvolti psicologici negativi li pagano soprattutto i ragazzi. Noi, nel nostro piccolo, continueremo a star loro vicino, a stimolarli con allenamenti dati dai nostri mister e preparatori, e che potranno fare in forma individuale a casa. Cerchiamo di tener viva la loro passione per il calcio, sperando che questa situazione passi. Dobbiamo continuare a credere che grazie ai vaccini potremo uscirne e finalmente tornare a fare allenamenti di contatto e magari le gare. Ai ragazzi, ai loro genitori, a tutto lo staff auguro un 2021 covid free e un calendario zeppo di partite. Chiedo alla Federazione, infine, di essere piu vicina alle Società perché ne hanno davvero bisogno. Spero prendano le loro decisioni sulla stagione al più presto, utilizzando il momento per fare finalmente una riforma seria che faccia crescere tutto il mondo giovanile calcistico, molto spesso accantonato”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE