Cerca

l'intervista

Marco Angelocore: "Grave mancanza di rispetto nei confronti dei giovani"

L'intervista integrale al direttore sportivo della Vigor Perconti: "Ragazzi abbandonati dalle Istituzioni, anche le società non sanno cosa fare"

23 Marzo 2021

Vigor Perconti Angelocore

Vigor Perconti, il ds Marco Angelocore (Foto ©De Cesaris)

In casa Vigor Perconti, come in tante altre realtà della nostra regione, il calcio non si è fermato, nonostante tutto. Marco Angelocore ci spiega come il club ha proseguito l’attività, almeno fino al nuovo decreto che ha imposto la zona rossa nel Lazio: "Abbiamo continuato il lavoro con allenamenti distanziati, seguendo alla lettera le norme vigenti. Lo staff ha cercato di rendere gli allenamenti il più divertenti possibile per non appesantire ulteriormente il morale dei ragazzi. Direi che ci siamo riusciti benissimo, se in ogni seduta non si registrano assenze e le squadre sono a pieno regime significa che abbiamo lavorato in un certo modo. A maggior ragione se consideriamo che diversi ragazzi vengono da fuori, e che quindi hanno continuato a fare sacrifici importanti, ben consapevoli che la domenica non si gioca, purtroppo". Il direttore sportivo della Vigor Perconti ha poi commentato l’operato del comitato: "C’è stato un totale abbandono nei confronti dei ragazzi, da parte di tutte le istituzioni. La reputo una gravissima mancanza di rispetto verso i nostri giovani; non fosse per l’attenzione e la meticolosità dei club, tanti smetterebbero. Capisco perfettamente che, ancora oggi, la situazione è grave: morti, positivi, ricoverati, attività che chiudono, persone senza lavoro, io sono un imprenditore e lo capisco benissimo, ma si dovrebbe di più per i ragazzi, molto di più. Le società non sapevano e non sanno tutt’ora come comportarsi, non si sa che fine faremo. Nonostante ciò tutte hanno dato il massimo, proprio per il bene dei ragazzi". Nonostante tutto, però, questa pandemia ha fatto emergere anche qualcosa di positivo, come le relazioni sempre più salde che si sono venuti a creare tra le società: "Per quello che concerne il mio ruolo di direttore sportivo, io voglio buoni rapporti con tutti gli altri club. Vivo di rapporti umani e mi piacerebbe sottolineare questo anche per il lavoro che svolgo alla Vigor. Bisogna lavorare insieme, come se fossimo un’unica società, al fine di fare il bene dei nostri giovani. Poi l’agonismo della domenica è un’altra cosa, ma per il resto pretendo correttezza, sincerità e lealtà". Il ds blaugrana ha poi espresso le proprie impressioni sul futuro che ci attende: "Mi auguro vivamente che questa sia l’ultima ondata. Magari tra la fine di aprile e l’inizio di maggio si riuscirà a disputare qualche torneo, i ragazzi si meritano di tornare in campo. Anche perché con lo stop dei campionati tanti giocatori attenzionati dalle società professionistiche non hanno avuto modo di mettersi in mostra, questo è un grande dispiacere. Bisognerà fare i conti con i danni che subiranno intere annate calcistiche, se pensiamo ai 2004 che sono partiti dai Giovanissimi e si ritrovano in Under 19 senza quasi mai giocare. Ne risentiranno i dilettanti, figuriamoci i professionisti, il tasso tecnico e la qualità si abbasserà molto. Quest’estate avevamo comunque allestito degli organici all’altezza del blasone per lottare per i vertici, peccato che non si sia mai giocato". Marco Angelocore ha infine concluso: "In vista della prossima stagione si dovrà rivedere anche il protocollo che all’inizio di quest’anno non ha funzionato molto. Non sono un virologo e non parlo di cose che non so; il mio mestiere è un altro e certe dinamiche nemmeno provo a capirle. Spetterà a chi di dovere prendere decisioni e trovare soluzioni. Non possiamo che riporre le nostre speranze nei vaccini, mantenendo sempre e comunque alta la guardia riguardo assembramenti e tutti quei comportamenti che permettono di proteggersi. Speriamo che a settembre si possa veramente tornare in campo, bisogna essere ottimisti, anche se è difficile, anche se ancora oggi viviamo nell’incertezza più totale. Ci tengo a chiudere ringraziando tutta la Vigor Perconti, dai ragazzi che non mollano, allo staff che si è mostrato molto unito. Voglio evidenziare anche il comportamento del presidente Maurizio Perconti. Non ci ha mai fatto mancare nulla, sotto tutti i punti di vista. È da ammirare in questo periodo". 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni

Dalle altre sezioni