Cerca

L'Intervista

Vigor Perconti, Mosciatti: "Stare insieme durante il ritiro ci ha dato forza"

Il tecnico blaugrana torna sul successo in Coppa Lazio dello scorso anno e parla delle prime settimane di lavoro con la squadra in vista della nuova stagione

06 Settembre 2021

Riccardo Mosciatti, tecnico della Vigor Perconti (Foto ©GazReg)

Riccardo Mosciatti, tecnico della Vigor Perconti (Foto ©GazReg)

La Vigor Perconti ha pubblicato sui propri canali social ufficiali un'intervista a Riccardo Mosciatti, tecnico blaugrana da ormai diversi anni e che questa stagione sarà ancora alla guida della compagine Under 17.

Mister, con i tuoi 2005 avete concluso la stagione appena passata aggiudicandovi la Coppa Lazio, dimostrando carattere ed esprimendo un ottimo calcio. Un tuo giudizio?

"La conquista della Coppa è stata una grande soddisfazione per i ragazzi, per lo staff e per la società. Una vittoria conquistata gradualmente, a piccoli passi, crescendo partita dopo partita e trovando sempre più amalgama. Ecco forse è stato questo l’ingrediente che ha modificato in positivo il nostro percorso. L’amalgama costruita da chi alle difficoltà iniziali non ha mollato ed è rimasto fedele alla maglia ricevendo un importante risposta dal campo e credo sia un insegnamento anche per la vita. La giusta ricompensa".

Sei anche tu un fedelissimo Vigor. Stare in una società top impone di saper sopportare le pressioni ma sembri un allenatore che la pressione se la metta da solo per alzare l’asticella. Impressione sbagliata?

"È un onore per me essere considerato un fedelissimo, fin quando il Presidente vorrà, con piacere darò il mio contributo. La pressione stimola a far meglio, a migliorare se stessi e le persone con cui si lavora. Il problema non è la pressione ma la voglia di raggiungere sempre obiettivi. Si parte da uno minimo che può essere tecnico o umano, consolidarlo per poi andarne a cercare un altro più difficile ed impegnativo, senza mai fermarsi. Nel calcio e secondo me nella vita non si smette mai di imparare, questo si può fare da tutti, nessuno escluso".

Siete tornati da poco dal ritiro in Umbria. Sensazioni sul gruppo?

"Siamo tornati da una settimana di ritiro in Umbria ed è sempre importante questo periodo iniziale per conoscersi, capire i ragazzi, conoscere lo staff ed inserire i nuovi. Insieme fare i primi passi verso una stagione lunga, impegnativa e con sicuramente dei momenti di difficoltà che vanno accettati e superati. Lo stare insieme, se fatto in maniera costruttiva, durante il ritiro aiuta ad avere più forza nell’affrontarli".

Quale allenatore professionistico ti ispira di più?

"L’allenatore professionistico che più mi piace per essere banale ma rispondo Guardiola. Un allenatore che si mette sempre in discussione e che apporta tanti miglioramenti a livello individuale e collettivo".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE