Cerca

Shalom Cup

La soddisfazione di Gianluca Marini: "Dopo 2 anni difficili ce la siamo meritata"

Le parole dell'esterno offensivo della Tor Tre Teste, fresco campione alla Shalom Cup con la Rappresentativa Nazionale Under 17 di Calogero Sanfratello

17 Settembre 2021

Gianluca Marini, esterno offensivo della Tor Tre Teste (Foto ©LND)

Gianluca Marini, esterno offensivo della Tor Tre Teste (Foto ©LND)

Un altro grande protagonista della Rappresentativa Nazionale Under 17 LND trionfante alla Shalom Cup è stato indubbiamente Gianluca Marini, estroso attaccante esterno della Tor Tre Teste. Il classe 2005 rossoblù ha timbrato il cartellino anche in finale contro il Napoli, con un gol veramente spettacolare, queste le sue emozioni: "Sono molto contento, ero partito carichissimo fin dal primo momento anche perché dopo due anni difficili per via della pandemia, ci voleva proprio una soddisfazione del genere. È stato ancora più bello mettere lo zampino nella vittoria in finale timbrando il gol del vantaggio, dove sono riuscito a realizzare con una difficile conclusione al volo. Sono felicissimo di aver portato a casa questa coppa insieme ai miei compagni, inoltre mi ha fatto ancora più piacere veder andare in gol anche Della Salandra, altro ragazzo del Lazio e che conosco da ormai diverso tempo". Il segreto di questo successo? Secondo Marini la coesione che si è creata all'interno del gruppo: "Abbiamo fatto subito gruppo fin dal primo giorno e questo secondo me è stato fondamentale nel percorso che ci ha portato poi a raggiungere la vittoria finale. Ci siamo trovati benissimo sia tra noi ragazzi che con lo staff tecnico, abbiamo lavorato sempre con dedizione ed i risultati fortunatamente si sono visti". Un'esperienza importante quella vissuta da questi ragazzi, che si sono potuti fronteggiare con club professionistici quali Juve Stabia, Crotone e soprattutto Napoli: "È stata una bella sorpresa andare ad affrontare squadre professionistiche, oltre che una motivazione in più per fare ancora meglio. Penso che confrontarsi con realtà di questo livello sia motivo di crescita ed infatti credo che quest'esperienza sarà molto importante per il prosieguo del mio percorso". Per il numero 11 azzurro è arrivata anche la soddisfazione personale del premio di capocannoniere della manifestazione, tre reti in altrettante partite disputate, in coabitazione con Tomei: "È stata una bella emozione e sinceramente mi è scappata un po’ anche la lacrimuccia, soprattutto perché avevo avuto già la chiamata dalla Rappresentativa per un altro torneo, a cui purtroppo non avevo potuto rispondere per via di un infortunio. Dunque questa è stata la mia rivincita, la potremmo definire una doppia vittoria. È stato ancora più bello condividere questo titolo di capocannoniere con Simone Tomei dell'Atletico Vescovio, anche lui ha fatto benissimo e se l'è meritato tutto". Non possono mancare parole al miele per la Tor Tre Teste: "La Tor Tre Teste è come una seconda famiglia per me. Sono lì ormai da cinque anni, mi hanno sempre trattato tutti come un figlio e mi trovo assolutamente benissimo. Devo tanto a questa società, se ho raggiunto questo traguardo c'è tanto merito anche loro, che mi hanno aiutato a crescere nel migliore dei modi sia dal punto di vista calcistico che come uomo". Per un successo così importante ci vogliono delle dediche speciali, ecco quelle di Gianluca: "Questa vittoria la dedico innanzitutto alla mia famiglia, a mio fratello, al mio migliore amico ed al mio ex compagno Matteo Zazza oggi alla Lazio. Mi hanno seguito durante tutto il torneo e mi hanno sempre fatto sentire tutto il loro sostegno, aspetto per me molto importante".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE