Cerca

L'Intervista

Grifone, parola a Guida: "Il lavoro di preparazione procede alla grande"

Il tecnico rossoblù si esprime su quanto fatto con la squadra fino ad ora, sul gruppo a sua disposizione e sugli obiettivi stagionali

15 Settembre 2021

Davide Guida, tecnico del Grifone (Foto ©Lori)

Davide Guida, tecnico del Grifone (Foto ©Lori)

In attesa dell’ufficializzazione dei gironi dei campionati giovanili, proseguiamo con la rubrica di interviste ai tecnici per fare il punto sulla preparazione e gli obiettivi stagionali. Oggi ha parlato con noi Davide Guida, allenatore del Grifone: "Siamo partiti il 23 agosto e fortunatamente procede tutto bene. Il lavoro di preparazione procede alla grande, i ragazzi si stanno allenando e non è emerso alcun infortunio. Merito di uno staff competente, che di volta in volta organizza un lavoro bilanciato". La risposta fisica è spesso un tema preoccupante dopo due anni di allenamenti interrotti spesso dalla pandemia: "Faccio una premessa, noi come Grifone non ci siamo mai fermati, salvo quando i protocolli vietavano l’allenamento. Per quanto mi riguarda sia con i 2005 che con i 2006 ho sempre avuto belle risposte sul campo. Direi che in questi due anni non siamo stati fermi, ma è mancato l’agonismo". Agonismo che ritroverà a breve: "Sono soddisfatto del gruppo 2006, l’80% della squadra è stato riconfermato e siamo andati a prendere quei nomi che servivano per puntellare la rosa, degli innesti importanti. Colasurdo e Tataranni dalla Romulea, Pompigna dall’Urbetevere, Chiesa e Pietrolati all’Honey e Bianchi, Vattone e Dimitri rispettivamente da Dilettanti Falasche, Racing Club e Latina". Un gruppo rinforzato per obiettivi sempre più grandi: "Diciamo che la semifinale di Coppa Lazio è stata solo un antipasto. Il gruppo 2006 è importante, lo so io e lo sanno i ragazzi. L’obiettivo è quello di fare bene e raggiungere le finali. Per prepararci abbiamo affrontato tre amichevoli sotto età con risposte convincenti sia dal punto di vista del gioco che del risultato". 38 anni e dieci di esperienza alle spalle, anche per Guida questa è una sfida importante: "Ho avuto la fortuna di iniziare presto e ho sempre raggiunto risultati importanti o centrato gli obiettivi. Dopo dieci anni, c’è una maturità e una capacità di gestione diversa. Ciò che io e il mio staff vogliamo trasmettere sono i valori dell’allenamento e del sacrificio; tutti proveranno a fare i calciatori ma sono consapevoli che è difficile diventi il lavoro della loro vita. Per questo educhiamo i ragazzi al rispetto per i ruoli, il rispetto reciproco e l’unità del gruppo per un risultato comune, con la speranza che mantengano questi valori anche nella vita di tutti i giorni".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni