Cerca

L'intervista

Totti Soccer School, D’Ulisse: "Pronti per disputare una buona stagione"

Il direttore generale del club della Longarina ha parlato a 360° sull’annata 2021/2022

05 Ottobre 2021

Totti Soccer School

Claudio D'Ulisse insieme a Riccardo e Francesco Totti

"Il nome che portiamo è motivo di orgoglio, lo conoscono in tutto il mondo e per questo abbiamo delle responsabilità importanti. Alla Totti Soccer School si può sbagliare in campo, ma non fuori dal rettangolo di gioco. L’educazione ed il rispetto sono sempre in primo piano”. Claudio D’Ulisse, direttore generale del club della Longarina, ha esordito senza mezzi termini, concentrandosi su quei valori da cui non si può prescindere nello sport. Il dg ha poi proseguito: "In estate la società ha vissuto tanti cambiamenti importanti con la riorganizzazione dell’intero staff di responsabili. Si è deciso di dare priorità a tutte quelle figure che negli ultimi e difficili due anni hanno tenuto duro onorando l’impegno. Grazie alla famiglia Totti stiamo costruendo qualcosa di diverso che già da quest’anno, e ancor di più sul lungo termine, porterà grandi soddisfazioni”. Claudio D’Ulisse ha passato in rassegna tutte le problematiche legate alle stagioni tempestate dal Covid che hanno inevitabilmente frenato la crescita dei ragazzi: “Come tutte le società, abbiamo incontrato delle difficoltà e ne incontreremo ancora, ma non si può fare altrimenti. Basti pensare che i 2010 non hanno mai giocato a 7 e si ritrovano a dover disputare partite a 9. I 2008, a maggior ragione, si sono visti catapultare in Under 14 senza aver mai avuto esperienza a 9. E così via. Si tratta di un vero e proprio problema generazionale, ma possiamo farci ben poco. La strada intrapresa, quella del lavoro, è l’unica che potrà sistemare questa situazione”. Riallacciandosi alle prime parole pronunciate, D’Ulisse è convintamente tornato su quelle norme morali fondamentali nello sport, nel calcio, ed in particolar modo alla Totti Soccer School. "Tutti i tecnici che guidano le varie squadre di settore giovanile e scuola calcio sono chiaramente qualificati, forti di conoscenze e competenze accumulate negli anni e sulle quali abbiamo deciso di investire. Ma più di tutto sono importanti i parametri personali e di comportamento a cui la Totti Soccer School non può rinunciare. Lo stesso discorso vale per i ragazzi. Il comportamento è alla base di tutto”. Nella speranza che la stagione 2021/2022 sia quella della definitiva ripartenza del movimento: "Mi aspetto che tutti osservino le regole ed i protocolli governativi. Allo stesso tempo mi auguro che chi di dovere faccia tutti i controlli del caso, non possiamo permetterci un altro anno come i due appena trascorsi". Il direttore generale ha infine concluso scendendo nel dettaglio per quanto riguarda le giovanili: "L’Under 15 e l’Under 16 saranno in Elite, abbiamo allestito due buone rose che ci permetteranno di dire la nostra in entrambi i campionati. Lo stesso per l’Under 14, ovviamente adattando le esigenze ad un campionato regionale. Discorso diverso per l’Under 17 che sino a qualche settimana fa avrebbe dovuto disputare anche lei il campionato regionale - e per questo sono andati altrove quasi tutti i calciatori - e che invece è stata ripescata in Elite. È rimasto solo Bruno, che sarà ovviamente il capitano dei 2005. Abbiamo ricostruito la squadra partendo quasi da zero, inizialmente avremo qualche difficoltà ma non è un problema, la rosa è interessante. Peccato anche per la preparazione, organizzata in virtù dell’inizio dei Regionali, che sarebbe avvenuto più tardi rispetto all’Elite. Poco tempo ma tanta, tantissima voglia di dimostrare il nostro valore".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE