Cerca

L'INTERVISTA

Massimina, Temperini: "Supereremo questo momento"

Il tecnico dell'Under 14: "Il messaggio è uno solo: il calcio è un gioco e quindi speriamo che presto torneremo a giocare"

30 Novembre 2020

Massimina, Temperini: "Supereremo questo momento"

Massimina, il tecnico dell'Under 14 Pacifico Temperini

Il Massimina continua nella propria attività con un occhio al divertimento e alla crescita dei suoi ragazzi e l'altro alla sicurezza e al rispetto dei protocolli. A raccontarci come il club sta vivendo questo periodo difficile è Pacifico Temperini, tecnico dell'Under 14: “Stiamo passando un momento particolare, unico nel suo genere. Qui al Massimina c’è stata da subito la massima attenzione al rispetto delle regole imposte e, grazie all’impegno di tutti, stiamo portando avanti l’attività. Non è facile, ci sono regole da rispettare cui non siamo abituati che limitano la nostra libertà di azione, però mi conforta vedere che soprattutto i ragazzi si sono prontamente allineati e adeguati alle disposizioni anti-COVID”. Un cambio radicale nelle abitudini, a Temperini abbiamo chiesto quali sono diventate ora le cose realmente importanti in una società: “Per andare avanti oggi più che mai è importante il gioco di squadra , e per squadra intendo l'organizzazione societaria tutta. L’allenatore è solo una rotella di un ingranaggio che parte dal magazziniere che gonfia i palloni, passa per la segreteria, coinvolge il direttore sportivo Marinelli, il direttore generale Paparella e finisce al presidente Marano. Tutti sono concentrati al rispetto delle regole e solo così ne potremo uscire. Per quanto riguarda l’aspetto tecnico, fatte salve le disposizioni date dalla FIGC sul distanziamento che ovviamente rispettiamo, abbiamo impostato con il preparatore atletico Corradetti il lavoro indicato per la fascia di età dell'Under 14 che la società mi ha affidato. Quindi niente partitelle ma lavoro specifico sulle capacità coordinative, sulle posture, sulla trasmissione, i controlli ed il tiro in porta. Ogni tanto – aggiunge Pacifico - qualche allenatore propone qualche variazione sulle esercitazioni che la FIGC ha pubblicato e insieme sperimentiamo; è anche un modo per coinvolgere i ragazzi e spezzare le ripetitività delle esercitazioni”. La chiusura il mister la dedica tutta ai suoi ragazzi ma non solo, con lo sguardo dritto verso la futura ripartenza: “Il messaggio è uno solo: il calcio è un gioco e quindi speriamo che presto torneremo a giocare. Supereremo questo momento e, quando sarà tutto finito, torneremo a sorridere tutti insieme”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE