Cerca

l'intervista

Unipomezia, Porzi: "Un solo girone un’arma a doppio taglio"

Il centrocampista guarda avanti e analizza la ripartenza con tutti gli scenari possibili 

18 Dicembre 2020

Andrea Porzi

Porzi (Foto ©Torrisi)

Andrea Porzi è il classico giocatore che dà tutto in campo rimanendo in silenzio, una pedina fondamentale per il centrocampo e per l’intera squadra. Potremmo definirlo il polmone dell’Unipomezia, l’anima e il cuore, pupillo del direttore Proietti e giocatore che tutti i mister vorrebbero avere in rosa. Queste le sue parole soprattutto in vista della ripresa: "I segnali di ripartenza che sono arrivati negli ultimi giorni ci stimolano a dare sempre di più, anche se noi non ci siamo mai fermati allenandoci al massimo anche individualmente. Vogliamo e dobbiamo farci trovare pronti. Purtroppo non sappiamo ancora con quale formula finiremo il campionato. Certo, per una squadra come la nostra che punta a vincere magari sarebbe meglio disputare tutto il calendario, ma giocare un solo girone potrebbe rivelarsi anche un vantaggio perché vorrebbe dire disputare ogni partita come se fosse una finale dando quindi il 200%. Insomma, potrebbe essere un’arma a doppio taglio". Anche Porzi è tornato quest’anno all’Unipomezia dopo la stagione trascorsa al Città di Paliano, ritrovando una grande famiglia: "Ero già stato qui per due anni e sin dal primo giorno mi sono trovato benissimo. Questa è una delle poche società in cui si può fare calcio vero e noi giocatori ci sentiamo professionisti nei dilettanti. Sono orgoglioso di far parte di un team così importante". 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE