Cerca

l'intervista

Onorato: "Ci vorrà ancora molto tempo per risolvere questo problema"

L'esterno della Vis Sezze: "La mia speranza è che il vaccino possa far terminare definitivamente la pandemia. Bisognerà stare al passo e se possibile cambiare i protocolli"

13 Gennaio 2021

Onorato esulta

Onorato esulta (Foto ©Vis Sezze)

Tra pochissimi giorni tutte le società dilettantistiche regionali dovrebbero tornare a correre e ad allenarsi regolarmente sul campo. Ma considerando l'andamento della pandemia, il piano di ripartenza del Lazio avrà ufficialmente il via dalla seconda metà di gennaio per consentire alle squadre di riprepararsi in vista della ripresa dei vari campionati fissata per il secondo spezzone di febbraio? C'è tanta attesa da parte di tutti, in primis per i calciatori, ma certamente per chiunque graviti attorno a questo mondo. Con l'arrivo del vaccino in Italia diminuiscono le paure anche se i numeri dei contagi, ad oggi, non ci lasciano ancora tranquilli. Come sarà dunque ripartire nell'anno che ci auspichiamo possa riportare la normalità? Ne abbiamo discusso con il talentuoso esterno offensivo della Vis Sezze capolista nel girone C di Eccellenza, Edoardo Onorato, che espone così le sue sensazioni in vista della ripartenza: "Sicuramente c'è tanta voglia di riprendere, personalmente non vedo l'ora. Per chi ha trascorso una vita su un campo da calcio questo periodo è stato veramente pesante, e penso sia stato così per tutti". Le date del Comitato regionale per ora sono state confermate. Sarà una ripresa sicura? In merito il calciatore rossoblù afferma: "Purtroppo il problema non si è ancora risolto, la situazione è talmente difficile che è stato complicato anche solo trovare una soluzione adeguata per la ripartenza dei campionati. Io parto dal presupposto che ci sono persone sicuramente più adeguate di noi per decidere se farci ripartire o meno e in che modo farlo, quindi sono del parere che bisogna seguire le indicazioni che ci vengono date". Come detto, l'arrivo del vaccino dovrebbe spegnere definitivamente il problema anche se ci vorrà ancora del tempo. Ma a livello di protocolli, serve comunque correggere il tiro? "Spero veramente che con l'arrivo del vaccino la cosa si sistemi - prosegue Onorato - ma è comunque una situazione delicata, credo che il problema non si risolva dall'oggi al domani, ci vorrà ancora molto tempo. Quindi non so se sarà opportuno cambiare qualcosa anche a livello di protocolli". La linea adottata dalla Vis Sezze nel periodo di stop è stata seguita da molte altre società, ovvero di sospendere tutte le attività sul campo relative alla prima squadra, come dichiara il classe '92: "Come squadra noi abbiamo sospeso tutti gli allenamenti, ci siamo allenati in forma individuale ma ognuno "a casa propria". La cosa che più è mancata in questo periodo è stata sicuramente arrivare al campo e vivere lo spogliatoio. Proprio per questo non vediamo l'ora di ritrovarci e ripartire tutti insieme". Che campionato aspettarsi dopo 3 mesi di sosta? "Mi aspetto un campionato totalmente diverso - conclude l'ex Itri -. E' come se ne iniziasse uno nuovo e ripartissimo tutti da zero. Sarà molto complicato ripartire dopo una sosta così lunga e penso che ogni squadra troverà delle difficoltà nel riprendere. Noi cercheremo di ripartire da dove abbiamo lasciato, stavamo vivendo un buon momento e cercheremo di iniziarne un altro altrettanto buono". Ed è quello che si augurano tutti i tifosi rossoblù, con la Vis di Flavio Catanzani leader del proprio raggruppamento al momento dello stop e tra le squadre più attrezzate per provare a compiere il grande salto anche grazie alle prestazioni dello stesso Onorato, la vera chicca del mercato estivo del direttore sportivo Fabrizio Di Emma

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE