Cerca

L'intervista

Unipomezia, Renelli: "Finché c'è speranza noi ci crediamo, vogliamo ripartire"

Il difensore fa il punto analizzando lo stop a 360 gradi, consapevole dei risvolti che potrebbero esserci anche considerando il blocco delle retrocessioni in caso di ripresa

19 Febbraio 2021

Renelli

Il difensore dell'Unipomezia, Renelli (Foto ©Torrisi)

Ancora qualche giorno di attesa. Poi, si spera, verrà dato il via libera per la ripresa del campionato di Eccellenza. Lunedì 22 febbraio la FIGC si esprimerà in merito e finalmente capiremo meglio quale sarà il futuro della stagione 2020-21. C’è un barlume di speranza nelle parole del difensore dell’Unipomezia, Edoardo Renelli, che afferma: "Finché c’è una piccola speranza di ripartire noi ci crediamo. Questo è il mio augurio, per l’Eccellenza e per tutte le altre categorie a scendere. Purtroppo molti non capiscono che tante persone con questi rimborsi ci vivono, vuoi anche perché magari hanno perso il proprio lavoro con la crisi, e togliergli anche l’introito del calcio li metterebbe in una condizione davvero durissima. Perciò credo che ripartire sia fondamentale. Riguardo il format ipotizzato, senza retrocessioni viene ancor meno la tutela dei giocatori "Over", perché ad eccezione dei Presidenti, come il nostro, che hanno investito molto e che vogliono ripartire con ambizioni di vittoria, altri che avevano invece stilato un progetto per salvarsi manderanno via molti di questi calciatori per dare spazio ai più giovani. Questo accentuerebbe ancora di più la crisi del movimento. Spero allora che il 22 arrivino notizie positive anche perché non vediamo l’ora di tornare in campo e vincere questo campionato". 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE