Cerca

L'intervista

Unipomezia, Pecci: "Siamo pronti a ripartire e a vincere questo campionato"

Le parole del difensore rossoblù dopo l'ok di Gravina per la ripresa dell'Eccellenza

05 Marzo 2021

Federico Pecci

Il difensore dell'Unipomezia, Pecci (Foto ©Torrisi)

Il giorno tanto atteso è arrivato e il Consiglio Federale ha emesso la notizia che la maggior parte degli attori si auspicava: l’Eccellenza riparte. E’ ciò che ha dichiarato il Presidente della FIGC Gabriele Gravina a margine della riunione in via Allegri. Un bel sospiro di sollievo dunque per la massima serie regionale che sarà nuovamente protagonista nelle prossime settimane. Trapela gioia e soddisfazione in casa Unipomezia nelle parole del giovane difensore Federico Pecci: "E' la decisione che tutti noi speravamo venisse presa. Siamo contentissimi di poter ripartire anche perché abbiamo un campionato da vincere. Ci abbiamo sempre creduto continuando ad allenarci. Siamo pronti a tornare in campo e a conquistarci la Serie D". Il Presidente Federale ha anche confermato il blocco delle retrocessioni, con il format definitivo che verrà discusso e ufficializzato al termine della riunione LND in programma il prossimo 10 marzo. In merito l’ex Trastevere e Castiadas afferma: "Non sta a noi stabilire con quale format ricominciare anche se senza le retrocessioni crescono i rischi di partite falsate. In ogni caso a noi non cambia nulla, il nostro obiettivo è quello di vincere, con qualsiasi formula si voglia continuare". Anche a livello personale Pecci potrà riprendere quanto lasciato dopo la primissima uscita stagione dei rossoblù e dopo l’infortunio al ginocchio: "Adesso sono pienamente recuperato e l’infortunio finalmente è alle spalle. Ringrazio moltissimo la società che mi è stata accanto nei giorni più difficili, ho avuto l’ennesima conferma di essere arrivato in un grandissimo club. A livello personale mi sto trovando bene con tutti e da giocatori come Panini, Casciotti, Renelli o Ilari posso solamente che imparare. Spero di ripartire alla grande e di restare all’Unipomezia il più a lungo possibile". 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni