Cerca

Focus

Roma, l'ascesa di Mastrantonio con il primo contratto in vista

Il portiere classe 2004 ha conquistato a più riprese la maglia da titolare in Primavera dimostrandosi decisamente all'altezza

29 Marzo 2021

Davide Mastrantonio

Davide Mastrantonio (©PhotoSportRoma)

L'ascesa di Davide Mastrantonio nell'ultimo mese è stata piuttosto evidente. Nel campionato di Primavera 1 i classe 2004 che giocano con regolarità si contano sulle dita di una mano. L'ex Urbetevere è l'unico estremo difensore della categoria che, almeno fino a questo momento, ha dato un saggio delle proprie qualità. Il meccanismo dei portieri sotto età in casa Roma è un sistema ben rodato ed il settore giovanile capitolino si avvale di questo modus operandi in tutte le categorie under. Nella scorsa stagione lo stesso Mastrantonio scendeva in campo con l'Under 17.

Dall'Urbetevere allo Scudetto giallorosso

Il suo viaggio parte da molto lontano e non sappiamo bene dove lo porterà, intanto la Roma ci lavora e si gode un portiere sicuramente di ottima prospettiva. Davide cresce e matura tra i pali dell'Urbetevere tra il 2013 ed il 2015, prima di volare nella Roma Academy, anticamera del definitivo approdo nel vivaio giallorosso. Fabrizio Stazi, responsabile del settore giovanile gialloblù, ha più volte sottolineato la mentalità di Mastrantonio, già da bambino dava l'idea di essere un piccolo professionista. Le qualità sono fuori discussione: all'Urbe, alla tenera età di 9 anni, riusciva a compiere con estrema facilità gesti tecnici di elevata difficoltà. Continuerà a farlo alla prima stagione nei professionisti, vale a dire quella in Under 15 con la lupa sul petto, quando conquista lo Scudetto di categoria imprimendo a fuoco la sua firma sul Tricolore. Nel corso della regular season è una certezza, blinda la porta e facilita la scalata dei giallorossi fino alle fasi finali. In Semifinale, contro il Napoli, è incredibilmente decisivo. Prima del vantaggio di Riccardo Pagano devia sulla traversa un missile di Pontillo dai quaranta metri. Dopo il raddoppio dello stesso Pagano si esalta sull'incornata di Scognamiglio con un colpo di reni prodigioso. Sarà uno dei migliori in campo in quella partita. Pochi giorni dopo l'ultimo atto contro il Milan, la Roma vincerà per 2-0 alzando al cielo il trofeo. Neanche a dirlo, le mani di Mastrantonio arrivano ovunque, soprattutto sullo stacco dell'ex Leonardo Rossi. Un minuto più tardi il vantaggio a firma di Cedric Koffi che spiana la strada verso il trionfo.

Che impatto in Primavera!

Arriviamo rapidamente al presente, anche perché la scorsa stagione, in cui Mastrantonio faceva come detto parte dell'Under 17 da sotto età, il campionato è stato interrotto causa pandemia. Alla seconda giornata del campionato di Primavera 1, Alberto De Rossi lo getta nella mischia, una gara tutt'altro che facile per la Roma e per Davide, che però insieme conquistano la seconda vittoria consecutiva, 3-2 il risultato finale. Dopo di chè Pietro Boer, forte di due anni di esperienza in più (e di un esordio in prima squadra), torna al centro della porta capitolina. Le prestazioni del portierone veneto sono sempre e comunque positive, alcune delle quali decisive, ma dopo la ripartenza del campionato la Roma non riesce a tornare ai livelli di due mesi prima (sette vittorie in altrettante gare). Così mister De Rossi inizia a cambiare qualcosa: sperimenta nuovi interpreti e nuove posizioni in campo, senza comunque snaturare il gioco ultraoffensivo che contraddistingue la sua squadra. In queste rotazioni rientra anche Davide Mastrantonio che contro il Milan alza la saracinesca, in particolare sul destro a giro di Mionic e centra il primo cleen sheet della sua carriera in Primavera. L'intervento più bello Davide lo fa però nel post gara, quando intervistato ai microfoni di Roma TV mostra un'incredibile sicurezza e, soprattutto, una dialettica da far paura. Alberto De Rossi scommette ancora su di lui e lo ripropone dal 1' contro il Bologna. Lo stesso accadrà contro l'Ascoli. Arrivano altre due vittorie importantissime per la Roma e altri due cleen sheet per Mastrantonio. L'ultimo pallone toccato risale al 92' della sfida contro i bianconeri quando su un calcio piazzato dalla distanza si avventa sul pallone in uscita alta ad una decina di metri dalla linea di porta e sventa un potenziale pericolo. Un minuto più tardi arriverà il raddoppio di Zalewski per il 2-0 finale. Sabato la Roma affronterà il Genoa, proprio la squadra contro la quale aveva esordito l'estremo difensore. Staremo a vedere se Alberto De Rossi continuerà a dargli fiducia o tornerà a proporre Pietro Boer. Nel frattempo le ottime prestazioni di Davide Mastrantonio non hanno lasciato indifferenti i dirigenti giallorossi. Stando alle voci giunte all'attenzione della nostra redazione, infatti, per l'ex Urbe potrebbe arrivare a breve il primo contratto da professionista. Sarebbe il terzo 2004 a raggiungere questo traguardo dopo Riccardo Pagano e Giacomo Faticanti.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE