Cerca

L'intervista

Eretum Monterotondo, Paglicci: "Siamo a buon punto, lotteremo fino alla fine"

La calciatrice gialloblù torna sull'ultima partita, analizza l'ottimo avvio in campionato e guarda già al finale di stagione 

08 Maggio 2021

Silvia Paglicci

La giocatrice dell'Eretum Monterotondo, Silvia Paglicci (Foto ©Eretum Monterotondo)

Prestazione monstre quella offerta nella quarta giornata di campionato da Silvia Paglicci, che con la sua qualità ha portato, insieme alle altre compagne, l'Eretum Monterotondo a battere la Lazio Femminile per 3-1. Un successo importante, che consente alle ragazze di Bubbico di rimanere agganciate al treno per la promozione. La fantasista delle gialloblu commenta così la sua performance, dicendosi particolarmente soddisfatta per la gara di domenica: "Sono felice della prestazione, soprattutto perché sono riuscita ad aiutare la squadra per portare a casa una vittoria fondamentale. La soddisfazione è doppia dato che sono riuscita a farlo in un ruolo nuovo per me, quindi posso dire che guardo con fiducia ai miei miglioramenti anche come giocatrice in generale". Silvia individua poi le due fasi che caratterizzano spesso le gare della sua squadra, nelle quali ad un primo tempo veemente sussegue una ripresa meno attenta: "Per quanto riguarda la squadra penso che siamo ad un buon punto, approcciamo bene le gare. Durante il primo tempo riusciamo ad esprimerci ottimamente, giocando anche un buon calcio. Bisogna migliorare nel cercare di mantenere la stessa concentrazione anche nella ripresa". La peculiarità della giocatrice dell'Eretum è quella di saper ricoprire più posizioni in base alle diverse situazioni che la partita offre. Ciò significa che il tecnico si fida ciecamente di lei, considerandola un punto di riferimento imprescindibile per il suo scacchiere: "Il mio ruolo come dire preferito sarebbe l'esterno di centrocampo, anche perché è quello che ho fatto sin da quando ero piccola e nel quale mi trovo più a mio agio. Però, come dicevo, col mister mi sto allenando e sto giocando anche in posizioni diverse, come ad esempio mezzala o trequartista. Poi in base alle necessità che si presentano è il mister a decidere dove mettermi e cosa chiedermi nello specifico. Ad esempio nell'ultima gara ho iniziato come interno di centrocampo ed ho finito come centrocampista centrale davanti alla difesa". Un girone molto complicato, quello dell'Eretum, per cui non sarà facile centrare il bersaglio grosso. Le ragazze di mister Bubbico vogliono però provarci: "Il mio obiettivo individuale è quello di migliorarmi sempre, a prescindere dalla categoria. Naturalmente mi piacerebbe aspirare a giocare anche in serie più importanti, così come penso lo vogliano tutte le mie compagne. E' proprio per questo che cercheremo di lottare fino alla fine per raggiungere la promozione".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE