Cerca

L'INTERVISTA

Real Monterotondo Scalo, Lupi: "Ambiente speciale, la squadra è affamata"

Le parole dell'attaccante della formazione eretina dopo la partita vinta contro la Boreale Don Orione nella quale è andato a segno

13 Maggio 2021

Marco Lupi (©Torrisi)

Marco Lupi, a segno contro la Boreale Don Orione (©Torrisi)

Viaggiano ad alta velocità, inarrestabili come un Treno: il Real Monterotondo Scalo in sei partite ha raccolto solo vittorie, ed il loro “Treno”, Marco Lupi, è tra gli uomini copertina di questa stagione di Eccellenza laziale. L’attaccante ci ha parlato del suo ritorno e del momento d’oro della squadra: "A Tarquinia per me era tutto finito, e quando il Real Monterotondo Scalo si è fatto avanti non ci ho pensato due volte, loro mi volevano ed io sapevo già di trovare un grande ambiente, la squadra è fatta di giocatori forti e soprattutto uomini veri, il presidente è una bravissima persona, come il magazziniere e i dirigenti, ci troviamo tutti alla meraviglia, non ci sono pressioni e ci divertiamo, abbiamo tutti voglia di lavorare e di far bene il più possibile, siamo una squadra affamata". L’ultimo anno non è stato facile per nessuno, ed anche se oggi i rossoblù trasformano in vittoria tutto ciò che toccano, anche loro non sapevano sé o quando il campionato sarebbe ricominciato: "Tutti speravamo di tornare in campo, il pallone è la nostra vita, e credo di parlare a nome di tutta l’Eccellenza. Non mi è mai successo di stare sei mesi fermo da quando gioco, ed anche ricominciare è stata dura, ma la voglia ha prevalso su tutto, è stata più grande dei sacrifici fatti, della fatica e di ogni difficoltà, è stato ciò che ci ha impedito di mollare anche nei momenti più bui. Il nostro gruppo è ben consolidato da tre stagioni circa, ed abbiamo sempre mostrato ottime cose in campo. Speriamo di continuare così, due anni fa non abbiamo centrato l’obiettivo per dei punti tolti dopo il ritiro dal campionato di un’altra squadra, mentre l’anno scorso abbiamo vinto la Coppa Italia, confermando la nostra qualità. Mister Centioni aveva creato un bel gruppo, e quest’anno anche Gregori sta facendo bene, dando continuità al progetto, l’ossatura della squadra è assolutamente valida e questo è un gran punto di forza. Il nostro obiettivo per ora è vincere le restanti gare, poi con il format dei triangolari non sai mai cosa può succedere, ma anche nella seconda fase daremo tutto”. Lupi poi ci ha parlato dell’ultima partita, e del suo gol con una dedica speciale: “La Boreale è una delle squadre più difficili da affrontare, e gli faccio i complimenti perché ci hanno messo davvero in difficoltà, l’abbiamo sbloccata con una magia di Lalli su punizione, e ci tengo a ringraziare proprio Lalli perché nonostante sia lui il rigorista, mi ha lasciato battere il penalty del 2-0. Colgo l’occasione per dedicare il gol a mia madre, dato che è stata la festa della mamma pochi giorni fa”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE