Cerca

l'intervista

Eretum Monterotondo, Bubbico: "Il morale è alto, con la Global vogliamo giocarcela"

Il tecnico delle eretine carica le sue ragazze in vista del big match con l'altra capolista del girone A

15 Maggio 2021

Bubbico

Il tecnico dell'Eretum Monterotondo, Fabio Bubbico

Ci si avvicina in maniera spasmodica al big match dell'Eccellenza Femminile girone A valevole probabilmente per il salto di categoria. L'Eretum Monterotondo, che nel suo straordinario cammino si è inceppata solo nello scontro contro la Woman Atletico Lodigiani, va nella tana della Lazio C5. Entrambe sono appaiate a 12 punti in classifica e questa gara, a due giornate dal termine, può decretare la realizzazione di un sogno per una delle due compagini. Il tecnico delle gialloblu, Fabio Bubbico, spiega le differenze tra l'ultima partita (stravinta per 1-7 sul Pro Calcio Castel Madama) e quella che aspetta le sue ragazze: "Sicuramente la partita di domenica sarà diversa rispetto a quella di settimana scorsa, specialmente per l'elevato livello tecnico delle calciatrici della Lazio C5. Sarà una gara complicata, però sono fiducioso perchè in settimana abbiamo lavorato bene, ho visto le ragazze concentrate e motivate. Il morale è alto, le sto caricando perchè non vogliamo partire sconfitti. Ce la vogliamo giocare e faremo il possibile per vincere". Come detto, questo scontro assume un'importanza fondamentale perché dopo ci sarebbe solamente una gara rimanente, che servirebbe a poco per recuperare. Anche il mister non nasconde la rilevanza della sfida: "Per la vincente sarà sicuramente un bel passo avanti per la vittoria finale. Comunque vada a finire, l'ultima di campionato per noi non sarà semplice perché incontreremo un'altra bella squadra come il Frosinone e nel calcio nulla è scontato". A prescindere da quale sarà l'esito dell'incontro, Bubbico si dice molto contento dell'evoluzione delle sue ragazze, sotto tutti gli aspetti: "Sono molto soddisfatto delle mie ragazze: hanno voglia di lavorare, imparare, mettersi in gioco e fare bene. Speravo che potessimo fare un campionato da protagonisti, dato il valore della squadra. Ad ogni modo dobbiamo lavorare per migliorarci partita dopo partita, anche se da inizio anno devo dire che ho visto tanti miglioramenti sia sul piano tecnico e del possesso palla, sia dal punto di vista tattico. Non siamo ancora perfetti, bisogna migliorare specialmente nella pressione alta, dove facciamo fatica ancora ad essere reattivi". Un antidoto per neutralizzare le avversarie? "Non ho studiato alcun tipo di accorgimento particolare perché i nostri avversari sono talmente forti che uno solo non basterebbe. Dobbiamo dare il 120% e sperare che questo porti ad un buon risultato".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE