Cerca

La finale

Genoa sconfitto, lo Scudetto è della Roma. Le pagelle del match

Falasca ancora decisivo, come nella semifinale. Pellegrini un muro. Leonardo D'Alessio mette la ciliegina su una splendida stagione. Il solito Accornero il migliore tra le fila liguri

29 Giugno 2021

La Roma alza lo Scudetto

La Roma alza lo Scudetto (Foto ©De Cesaris)

Al Bruno Benelli di Ravenna la Roma si laurea Campione d'Italia battendo il Genoa per 3-1 (Clicca qui per l'articolo completo)

ROMA 9 Vincere non è mai facile, confermarsi lo è ancora di più. Il gruppo dei 2004 è il più forte d'Italia. Organizzata, cinica, offensiva quando serve, capace di chiudersi e di esaltare le doti offensive. Perfetta. Scudettata.
Baldi 7.5 Viene sollecitato in tre occasioni. Sempre attento e concentrato nel respingere. Bellissima la reattività sul colpo di testa di Gabriele Cagia
IL MIGLIORE Pellegrini 8 Veramente complicato eleggere il migliore di questa partita ma il premio di MVP va al centrale. Dopo le ultime zoppicanti prestazioni, torna il The Wall di un tempo. Attento, cattivo, puntuale nelle chiusure. Bada al sodo e dalle sue parti non passe neanche l’aria
Ienco 6 Soffre quando chiamato in causa ma, se pur con qualche difficoltà, riesce sempre a cavarsela
Dal 1’st D’Alessio L. 7.5 L’esclusione dall’undici titolare aveva fatto storcere un po’ il muso. Entra all’intervallo e si rivela subito una spina nel fianco della difesa genoana. Il gol che vale il tris e chiude la gara è la ciliegina su una stagione giocata splendidamente
Catena 7 Le solite incertezze in fase d’impostazione vengono completamente oscurate da una prestazione difensiva sostanzialmente perfetta
Faticanti 7 Dà il via all'azione del secondo gol a firma di Liburdi con un recupero a centrocampo. Imposta, chiude traiettorie di passaggio ed intercetta decine di palloni. Il solito, meraviglioso, Faticanti
Falasca 7.5 Segna il gol che sblocca la partita, quinta rete consecutiva, la penultima, e decisiva, contro la SPAL in semifinale. Sarebbe un terzino, gioca anche da esterno e segna come un attaccante. Con quel mancino d'oro. 
Missori 7 Parte da esterno destro, poi si sposta come intermedio di centrocampo. Solito ed inesauribile motorino
Dal 36’st Vetkal sv
Tomaselli 6 Fa fatica nel trovare il posizionamento migliore per ricevere il pallone libero dalla marcatura avversaria, in fase di copertura soffre la fisicità e la velocità di Lipani & co.
Dal 1’st Koffi 6.5 Entra nel secondo tempo esaltando le qualità da velocista che ha in dote contribuendo alla sterzata vincente che la Roma ha innestato nella ripresa
Padula 7 Non segna e prende botte, tante botte, soprattutto nel primo tempo. Nel secondo continua a prenderle, ma nel frattempo innesca prima Liburdi e poi Leonardo D’Alessio con due decisivi assist. 
Dal 28’st Ciuferri 6.5 Entra per i concitati minuti finali, giusto il tempo di prendere parte alla festa giallorossa
Cherubini 6 Corre, lotta e ripiega, come sempre, in fase offensiva è poco lucido non riuscendo a far male alla difesa di Konko, ma il suo è un lavoro sempre apprezzato
Dal 1’st Liburdi 7.5 Nelle partite importanti, in questa stagione, non è mai mancato. Raddoppia con un'azione che riassume tutte le sue qualità spianando la strada a tutta la squadra
Pisilli 6.5 Lavoro enorme in fase di ripiegamento, si fa vedere poco in zona offensiva ma la sua presenza in mezzo al campo resta di grandissima importanza
Dall’11’st D’Alessio F. 6.5 Rileva uno stremato Pisilli conferendo al centrocampo giallorosso fisicità e copertura

ALLENATORE Piccareta 7.5 Nel primo tempo propone la Roma vista con la SPAL e passa in vantaggio. Nella ripresa cambia tutto ed i giallorossi volano. Come sono abituati a fare

GENOA 5 La formazione di Konko non riesce a replicare le tante eccellenti prestazioni stagionali cedendo il fianco alla forza della Roma
Ascioti 6 Incolpevole in occasione dei tre gol, ci mette i guantoni in un paio di circostanze evitando che il gap diventasse maggiormente marcato
Corelli 5.5 Soffre la velocità degli esterni romanisti e spinge poco in proiezione offensiva
Dall’11’st Catterina 5.5 Sostituisce Corelli e ne copia la prestazione non riuscendo ad imporsi nella propria zona di competenza
Moscatelli 6 Rispetto al collega di fascia attacca di più e con maggiore qualità, anche se non incide
Cagia 6 Quasi meglio in fase offensiva che difensiva, sfiora il gol in almeno due azioni. Dietro fatica tantissima a contenere Padula & co.
Calvani G. 5.5 Il centrale dei castelli romani, insieme a Cagia, non riesce ad arginare il prorompente reparto offensivo di Piccareta
Palella 5 Dovrebbe architettare le manovre rossoblù, ma sbaglia spesso tempi e spazi sotto l'incessante pressione capitolina
Toniato 5 Da uno come lui ci si aspetta sicuramente qualcosa in più. Crea e difende poco lasciando il centrocampo nelle mani di Faticanti e compagni
Dal 38’st Mauri sv
Lipani 6.5 Classe 2005, è tra i più pimpanti del primo tempo. Nel secondo cala di qualità ed intensità prima di lasciare spazio a Mele
Dall’11’st Mele 5.5 Subentra al posto di Lipani ma fa sicuramente meno bene del numero 8
Bornosouzov 6.5 Dovrebbe far valere la maggiore fisicità rispetto a Pellegrini e Catena, invece finisce per subirla. Segna di testa il gol che fissa il risultato sul definitivo 3-1
Dal 45’st Hysa sv
IL MIGLIORE Accornero 6.5 Nella prima frazione di gioco è sicuramente il migliore e, soprattutto, il pericolo numero 1 per la difesa romanista. Nel secondo cala come tutto il Genoa, ma le sue qualità restano di livello superiore alla media
Paggini 5.5 Da uno come lui ci si aspettava sicuramente di più. Sempre neutralizzato dai difensori capitolini, viene sostituito all’intervallo
Dal 1’st Romano 6 Non riesce a ripetersi come nella semifinale, ma si tratta di un classe 2006, tra i più interessanti del panorama nazionale

ALLENATORE Konko 5 Il suo non è il solito Genoa capace di divertire, divertirsi e segnare. Sicuramente anche per merito della Roma. La panchina, non di qualità come quella giallorossa, non aiuta

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE