Cerca

1ª categoria

Città di Acilia, Mariani: "Ranaldi mi ha ridato entusiasmo per tornare in campo"

Il presidente spiega il progetto e il suo doppio ruolo, in cui è stato decisivo il tecnico della prima squadra 

15 Luglio 2021

Mariani

Il presidente del Città di Acilia, Andrea Mariani

Acilia cerca nuovamente di brillare sotto il cielo di Roma. Quanto meno ci provano, ad Acilia, dove il calcio ha valori che si respiravano una volta; la parola data conta come un contratto e la genuinità la fa da padrone. Fautore di questa "pensata", lungimirante, è Andrea Mariani che, il calcio vero, lo ha assaporato da ragazzo: 7 anni di Roma e 2 di Lazio.

"La mia carriera -racconta Mariani- non è decollata poiché sono un personaggio per certi versi scomodo che non accetta le ingiustizie ma cerca di farsi strada attraverso la competenza e la passione". Aggiungeremmo: il talento, pure. "Ero un buon trequartista devo ammetterlo che a certi livelli è un ruolo complesso ma ovviamente anche affascinante". Adesso, il giovane Andrea (soli 30 anni ndr) è oltre che giocatore pure presidente del rinato Città di Acilia. "Sì, ho questa doppia veste. Andrea Ranaldi, il nostro mister della prima squadra mi ha trasmesso l’entusiasmo giusto per ricominciare a correre col sorriso dietro ad un pallone poiché oltre alle delusioni sportive personali subite alla Roma, ho avuto anche un grave infortunio che mi aveva spinto ad appendere le scarpette al chiodo. Ora sono in campo, come regista, così vuole il mister, e dietro una scrivania". Giovane si ma con le idee chiare, Mariani ci illustra ciò che ha in mente per il Città di Acilia. "Premesso che non è facile fare calcio di questi tempi noi, al Città di Acilia, stiamo provando a riportare professionalità e competenza all’interno di un quartiere dove per lo meno noi, non amiamo fare proclami calcistici ma ci affidiamo alle nostre esperienze scandite nel tempo, per allestire un club che sappia farsi rispettare, nel tempo, non solo nel panorama sportivo laziale". Gli orizzonti in effetti il Città di Acilia li ha ampliati, eccome. "Siamo affiliati alla Ternana dove mio zio Ferruccio Mariani allena la Primavera ed il noto dirigente rosso verde Alessandro Paparella, si è personalmente impegnato a seguire da vicino le vicende del nostro sodalizio. La Ternana avrà un canale diretto con noi e noi con loro. Provini, stage, kit di abbigliamento sportivo, tecnici: saremo sempre supportati dagli umbri che tra l’altro hanno stravinto il campionato di Lega Pro e sono sbarcati dunque trionfalmente in serie B". Potrà contare anche su una struttura all’avanguardia il Città di Acilia. "Certamente -prosegue Andrea Mariani- il nostro plesso sportivo è omologato fino all’Eccellenza, vanta un sintetico nuovo di zecca. Crediamo  fortemente nel fatto che una struttura moderna, efficiente e funzionale possa aiutare anche le famiglie dei bambini a stare più tranquille nel momento in cui sceglieranno, e ce lo auguriamo, di portare i loro pargoli da noi, al Città". Per concludere una battuta sulla prima squadra dove, come detto, Mariani, sarà tra i protagonisti in campo nelle Prima categoria che verrà.
"Con Andrea Ranaldi stiamo allestendo un gruppo in grado di competere per le prime posizioni. Ci auguriamo di arrivare presto in Promozione ma non abbiamo l’assillo del successo a tutti i costi, è nostra consuetudine lavorare bene e sodo e vedere step dopo step fin dove possiamo spingerci". Parole concrete che dette da un presidente di soli 30 anni, hanno ancora più valore nelle coscienze di chi, vede ancora con scetticismo i ragazzi, in ruoli strategici, pure ad esempio in una nobile, semplice e storica società come il Città di Acilia.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE