Cerca

l'intervista

Lupa Frascati, Costantini: "Siamo una buona squadra, ma c'è ancora da lavorare"

Il bilancio del capitano dei castellani a pochi giorni dall'inizio della stagione 2021-22

02 Settembre 2021

Costantini

Andrea Costantini (Foto ©Lupa Frascati)

La Lupa è da un mese al lavoro per preparare una stagione ormai prossima all’alba. Domenica ci sarà il primo impegno ufficiale degli amaranto-arancio, avversario di turno l’Audace Genazzano per il primo turno di Coppa Italia di Eccellenza. La competizione è ad eliminazione diretta in gara secca, e la Coppa è un altro obiettivo della società: sarà importante partire con il piede giusto per fare più strada possibile. Andrea Costantini è consapevole di tutto ciò, così come è conscio anche della sua importanza per il gruppo. Nominato capitano per la stagione 2021-2022, il forte difensore-goleador (con un passato come regista) ha rilasciato alcune battute al nostro ufficio stampa in vista della partita di domenica. Le prime impressioni sono per il ritiro: "Abbiamo fatto un grande lavoro fisico ma allo stesso tempo ci siamo conosciuti e amalgamati fra noi, massiccio è stato l’arrivo di ragazzi over ed under e occorreva conoscerci bene per diventare una squadra e un gruppo. Le amichevoli ci hanno detto che siamo una buona squadra, ma non dobbiamo montarci la testa: c’è ancora tanto da lavorare per trovare l’intesa giusta". Nella Lupa si è creato un gruppo nuovo che sin dagli allenamenti e dalle amichevoli ha dato l’idea di essere unito: "I ragazzi rimasti della passata stagione ci hanno permesso di entrare nello spogliatoio tranquillamente, poi ci siamo noi over nuovi arrivati che già ci conoscevamo, d’altronde con Nohman, Pagliaroli, Citro, Panella ne abbiamo fatte tante di partite su e giù per il Lazio. Siamo stati accolti bene – sottolinea il capitano – e credo che con il prosieguo del campionato potremo tastare quanto siamo gruppo". In chiusura Costantini dedica un pensiero sia all’Audace, prossimo avversario di Coppa, sia al campionato che inizierà il 19 Settembre: "L’Audace la scopriremo domenica, sarà sicuramente una squadra che rispecchia i valori del paese, molto "vorace" (sorride ndr), sarà una bella prova per noi. Sul campionato c’è poco da dire, andiamo nel Girone C, quello delle piazze: Gaeta, Terracina, Sora, Anagni sono città che hanno fame di calcio, sarà un girone tosto dove verrà un po’ meno la qualità e sarà più importante l’agonismo, ma la nostra identità rispecchia appieno i valori del girone".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE