Cerca

L'intervista

Vis Artena, Perrotti: "Girone tosto, Cynthialbalonga e Ostiamare le laziali più forti"

Il tecnico analizza il gruppo G in cui sono stati inseriti i rossoverdi: "Tra le favorite anche Torres e Giugliano. Occhio al Muravera di Mancosu"

09 Settembre 2021

Perrotti

Fabrizio Perrotti (Foto ©Vis Artena)

Ancora dieci giorni di attesa, poi sarà finalmente esordio nel nuovo campionato di Serie D. Martedì scorso la Lega Nazionale Dilettanti ha ufficializzato la composizione dei nove gironi e la Vis Artena è stata inserita ancora nel G, come da pronostico. Un gruppo certamente molto complicato e che racchiude la maggior parte delle compagini laziali, sicuramente il più qualitativo nel complesso. A commentarlo è il tecnico rossoverde Fabrizio Perrotti: "Ci aspettavamo di giocare ancora nel girone G, ciò che invece ci ha lasciati un po' sorpresi è la presenza di squadre come Cynthialbalonga e Ostiamare, che sulla carta sono le laziali globalmente più attrezzate. E' sicuramente un girone molto impegnativo considerate anche le campane Giugliano e Afragolese, ma anche la stessa Gladiator sarà un osso duro. Poi c'è la Torres che parte per vincere il campionato. Da non sottovalutare neanche il Muravera di Mancosu. Perciò ci sono almeno cinque-sei squadre in grado di puntare al massimo risultato, noi abbiamo come obiettivo quello di fare un buon campionato ma bisognerà capire dove ci porteranno realmente questi buoni propositi. Sono arrivati giocatori importanti che hanno compensato qualche partenza di lusso, ma il gruppo è buono e ci impegneremo al massimo per ben figurare". Pochi minuti fa anche il calendario è stato reso noto. Per la Vis esordio al Comunale contro l'Afragolese. "Sarà subito un match importante – prosegue il tecnico – Per noi sarà determinante iniziare con il piede giusto contro una squadra, come detto anche prima, tra le migliori del girone". E pochi giorni dopo il primo turno di Coppa al cospetto del Cassino. In merito il tecnico dichiara: "Solitamente all'inizio della stagione si tende a sottovalutare la Coppa puntando come primo obiettivo sul campionato. Ma a livello personale sono andato vicino a vincere questo trofeo con una finale e una semifinale perciò non nascondo che mi piacerebbe riprovarci. Inoltre, sarà una grossa opportunità per dare spazio ai ragazzi che in campionato giocano meno".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni