Cerca

l'intervista

Cynthialbalonga all'esame Ostiamare, D'Agostino: "Meglio un big match subito"

Esordio impegnativo per la compagine dei Castelli. L'attaccante fa il punto a pochi giorni dalla sfida 

13 Settembre 2021

D'Agostino

Stefano D'Agostino

La Cynthialbalonga è entrata nella settimana dell’esordio stagionale ufficiale. Avendo saltato il turno preliminare di Coppa Italia, gli azzurri del neo tecnico Raffaele Scudieri debutteranno sul campo dell’Ostiamare per la prima di campionato. "Un esordio duro contro un avversario ostico – dice l’attaccante classe 1992 Stefano D’Agostino, tra i pochi "reduci" del vecchio gruppo – Li abbiamo affrontati recentemente in un allenamento congiunto e mi hanno fatto una buona impressione. Il campo è abbastanza piccolo e insidioso: dovremo farci trovare pronti, ma per me è meglio iniziare subito con una partita di cartello". L’ex giocatore di Taranto, Floriana e Campobasso (tra le altre) parla del processo di amalgama della nuova Cynthialbalonga: "Abbiamo iniziato molto presto con la preparazione e, anche se c’è stato da faticare molto, questo ha contribuito ad accelerare la conoscenza tra di noi. Inoltre il mister ha voluto in rosa alcuni giocatori che già conoscevano i suoi metodi e anche questo aspetto è stato importante. Pure dal punto di vista fisico siamo in una buona condizione generale, ma è chiaro che la forma migliore la si prende solo giocando partite vere". D’Agostino ritorna nel gruppo G che l’ha visto protagonista qualche anno fa: "L’ho fatto una sola volta quando avevo 21 anni, dividendomi tra Terracina e soprattutto Fondi dove le cose sono andate benissimo: alla fine del campionato chiusi a 26 gol. La mia posizione ideale? Se un giocatore vuole essere considerato importante, deve sapere incidere in ogni ruolo. Sono un attaccante che può giocare da esterno, da trequartista, da seconda o da prima punta: l’importante è l’interpretazione". Il talentuoso giocatore è rimasto alla Cynthialbalonga come da programmi iniziali: "Avevo un accordo biennale e sono stato felice di portarlo avanti perché qui ho trovato un club che ha rispettato tutte le promesse". Chiusura su Scudieri: "Un allenatore molto preparato che cura tutti i dettagli e ama un gioco propositivo: il club gli ha messo a disposizione la rosa adatta per la sua idea di calcio".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE