Cerca

società

Cerveteri, Gnazi saluta: "Lascio per il bene di un club a cui tengo moltissimo"

Dopo il tecnico della prima squadra Antonino Graniero, anche il direttore generale compie un passo indietro 

30 Settembre 2021

Gnazi

Valerio Gnazi saluta il Città di Cerveteri

Otto goal subiti in due gare, la casella punti che indica zero, Antonio Graniero prima e Valerio Gnazi dopo che, per motivi entrambi legati dai troppi impegni anche extra calcistici, lasciano rispettivamente le cariche di allenatore e direttore generale della prima squadra. Inevitabile e corretto dire che non c’è pace al Città di Cerveteri anche se, è giusto pure rammentare che essendo solo agli inizi, siamo certi che il progetto lanciato, con buoni propositi da Fabio Iurato l’anno scorso (terzo posto finale ndr) possa nuovamente prendere quota, dopo un buon, come scritto, decollo. "Sì -racconta Valerio Gnazi direttore generale dimissionario al Città di Cerveteri- purtroppo, mio malgrado sono costretto a farmi da parte per il bene proprio di un club a cui tengo veramente moltissimo. Impegni lavorativi e familiari non mi consentono di proseguire la mia avventura in verde azzurro: attualmente è così". Un velo di amarezza trapela dalle parole di Valerio Gnazi; una persona nota oltre che per le sue capacità professionali anche per quelle squisitamente umane. Un Città di Cerveteri che lo stesso direttore generale uscente vede in prospettiva come una squadra che ha le capacità per recitare il suo positivo ruolo nell’attuale girone A del campionato di Eccellenza. "Secondo me -conclude Gnazi- il parco giocatori creato può dire la sua tranquillamente in questa competizione che lo sappiamo, col format attuale, è un terno al lotto un po’ per tutti: auguro ai ragazzi e a tutti i componenti della società di raccogliere solo soddisfazioni d’ora in poi".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE